CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Ultime news di Marketing & Comunicazione

Cerca nel blog

venerdì 30 novembre 2012

Rittal in cattedra all’università di Torino per un convegno sui quadri elettrici a bordo macchina



Continua la collaborazione tra Rittal ed il mondo accademico, per promuovere l’aggiornamento e l’informazione degli professionisti attuali e futuri. In quest’ambito si inserisce la partecipazione dell’azienda al convegno “Equipaggiamenti elettrici delle macchine: il componente quadro elettrico e le sue prestazioni”, tenutosi lo scorso 8 novembre 2012 presso l’Aula Magna del Politecnico di Torino. 
Durante la giornata, organizzata dal Politecnico di Torino - sede di Alessandria – e con il patrocinio di Confindustria, si sono alternati sul podio rappresentanti del mondo accademico, come il prof. Vito Carrescia, e industriale, grazie ai contributi di Rittal e Firpo. È stata così offerta una panoramica completa, che ha analizzato il tema a partire dalla attuale situazione normativa per continuare con la valutazione dei principali aspetti rilevanti in termini progettuali e concludere con un focus sull’efficienza energetica.

Grazie alla sua esperienza, Rittal ha contribuito a questa giornata fornendo contenuti tecnici di grande rilievo. Edgardo Porta, Direttore Marketing dell’azienda, ha accompagnato i presenti in un’approfondita analisi dei criteri di qualità legati ai quadri a bordo macchina, sottolineando come i sistemi di automazione debbano necessariamente essere alloggiati in contenitori in grado di garantirne il sicuro e duraturo funzionamento e come su questa condizione basilare siano da determinare i parametri di scelta del tipo di contenitore più adeguato.
Luca de Pari, Product Specialist Climate Control e System & Customer Support, ha invece approfondito il tema dell’efficienza dei componenti di condizionamento per i quadri bordo macchina, un concetto da non ridurre al semplice ottenimento di un risparmio energetico, ma da considerare nel complesso dell’intero processo che richiede tale componente attivo. In tal senso, una corretta progettazione e valutazione dei parametri di campo è fondamentale per identificare i prodotti più adatti a garantire affidabilità, risparmio energetico e riduzioni di fermo impianto, rendendo  possibile un’efficienza che si concretizza quindi anche in un maggiore ritorno dell’investimento legato all’apparecchiatura.

 

Automazione Industriale Award 2012: a Fastems il premio per l’industria manifatturiera



Fastems si è aggiudicata lo scorso 30 ottobre il premio Automazione Industriale Award 2012 del gruppo Il Sole 24 Ore per la categoria industria manifatturiera, grazie alla realizzazione implementata presso gli impianti Abete di Nola (Napoli).

Nel consegnare il premio, è stata sottolineata la capacità di questo progetto di porre l’automazione al servizio della massimizzazione della capacità produttiva dell’impianto. La realizzazione rappresenta infatti un esempio concreto di automazione allo stato puro in ambito manifatturiero e dimostra come un sistema di produzione flessibile sia capace di contribuire alla produttività di aziende caratterizzate da un’enorme variabilità nelle proprie produzioni, con lotti ridottissimi ed un ampio catalogo di pezzi.
In questi casi, la possibilità di evolvere verso sistemi di automazione per così dire “tradizionali” non è sempre praticabile: le pratiche di lavorazione intensiva, basata ad esempio su robot antropomorfi, appaiono qui poco sensate. L’adozione di un modello di automazione basata su sistemi di produzione flessibile (FMS) permette invece di  gestire al meglio una variabilità di questo tipo, abbattendo i tempi necessari per riattrezzare le macchine per massimizzare le ore di lavoro delle macchine già presenti in azienda, ottimizzando inoltre gli spazi.
Abete, eccellenza italiana nel settore aeronautico, è a pieno titolo un esempio di questo tipo di azienda: realizza infatti per il settore aeronautico circa 4000 parti diverse, in lotti che raramente superano la ventina di pezzi.  Con il sistema FMS di Fastems, Abete ha potuto realizzare un sistema di automazione configurato per lavorare con una capacità stimata dell’80% rispetto all’ipotetico regime massimo - comprendendo la manutenzione, i guasti e le festività –ed in grado di abbattere i tempi di set up del 50-60%.
 

giovedì 29 novembre 2012

Piumini invernali

Per quanto riguarda l’abbigliamento invernale e più nello specifico i capi come i piumini e le giacche invernali, sono ancora molto popolari i modelli a tessuto trapuntato ma con un tocco in più, ovvero la perfetta sagomazione sul corpo, ovvero delle giacche che sembrano tagliate su misura sulla silhouette delle donne. Per quanto riguarda invece le fantasie ed i colori, non si trovano soltanto le stampe con i soliti quadrati e rombi, o righe, ma anche motivi geometrici più complessi come ad esempio a zig-zag o a triangoli. Oppure è di gran moda anche l’effetto ad alternanza che permette di ottenere delle fantasie davvero originali e fashion. Si tratta di una fuga della moda dal minimalismo verso uno stile più ricco e colorato, lontano dai soliti modelli scuri e classici. Per l’autunno e inverno 2012 2013 si opta per il taglio dritto o allungato verso il basso per i modelli da uomo, con piumini e giacche invernali per lo più dotati di una larga cintura con una grande fibbia per sottolineare il punto vita. E questo vale anche per la moda femminile, che permette così al gentil sesso di poter avere capi d’abbigliamento per l’ inverno che tengano caldo ma che permettono anche di essere femminile.

Nuovo Lynx di Datalogic ADC, il PDA professionale piccolo e facile da usare

Lynx è il nuovo PDA professionale di Datalogic realizzato per ogni tipo di applicazione che richiede la lettura dei codici a barre in completa mobilità


Datalogic ADC annuncia il Lynx™ PDA, uno strumento compatto ed ergonomico, particolarmente indicato per gli utenti che vogliono migliorare l’efficienza delle operazioni di negozio e dei collaboratori che operano sul campo.

Il nuovo Lynx PDA è la soluzione ideale per gli agenti di vendita e per i manager della distribuzione. Questo computer portatile, dal formato tascabile e dal comodo display da 2,7 pollici dotato di una nuova tecnologia che migliora la leggibilità delle informazioni sia negli spazi al chiuso che all'aperto, è ergonomico e confortevole da usare. Il suo grado di protezione IP54 contro acqua e polvere, garantisce ottime performance anche in caso di maltempo. Il PDA Lynx di Datalogic è costruito per durare nel tempo.

All-inclusive è il termine che meglio descrive il nuovo PDA Lynx. In un unico device portatile, leggero e compatto, è possibile trovare un sistema di navigazione GPS, un telefono cellulare, una macchina fotografica, un computer e un lettore di codici a barre. Grazie al GPS assistito con sistema di posizionamento ibrido Skyhook Core Engine, alla fotocamera integrata da 3 Megapixel con flash e alle ineguagliabili funzionalità di comunicazione wireless, il PDA Lynx di Datalogic è in grado di rispondere ad ogni tipo di esigenza che richiede l’acquisizione automatica dei dati in completa mobilità. Sia che si tratti di una società di retail, di produzione o di trasporto e logistica, questo nuova soluzione mette a disposizione della forza lavoro che opera sul campo uno strumento facile e veloce da utilizzare.

Per il PDA Lynx sono disponibili quattro diverse tecnologie radio con antenna interna, in grado di garantire comunicazioni wireless rapide e sicure, sia per applicazioni indoor che outdoor. Il modulo 3G/4G HSPA+ consente la comunicazione in tempo reale, mentre la radio Summit IEEE 802.11 b/g/n offre il massimo livello di sicurezza wireless grazie alla certificazione Cisco CCX V4. Disponibile anche con tecnologia Bluetooth®, per connessione dati a breve distanza e per semplici applicazioni che richiedono l’assenza del cavo. Il Lynx è facilmente integrabile in ogni tipo di infrastruttura e garantisce il trasferimento dei dati in maniera notevolmente veloce.

Una caratteristica distintiva del PDA Lynx è sicuramente la capacità di acquisizione dei dati. L'utente può scegliere tra uno scanner laser 1D per la lettura rapida e precisa dei codici a barre lineari in applicazioni di scansione intensiva e la tecnologia 2D imager di ultima generazione, che permette di catturare ogni tipo di codice, comprese le simbologie 2D.

Il PDA Lynx è disponibile anche con due versioni di tastiera retroilluminata. Una numerica a 27 tasti, per un rapido inserimento dei dati e una tastiera QWERTY a 46 tasti, per applicazioni che richiedono l'immissione di testo. In entrambe le versioni, il layout è universale e permette l’uso facile ed intuitivo da parte dell’operatore che, oltre a trarne vantaggio in termini di efficienza, non ha necessità di training sull’utilizzo del device.

Questo nuovo PDA portatile di Datalogic è un dispositivo user friendly, pronto all'uso. All’interno della scatola, oltre al terminale, si trova già la batteria, il cavo micro USB per il trasferimento dei dati e il power supply universale. Tutto il necessario per iniziare subito a lavorare.

"Datalogic ha voluto creare un PDA che andasse al di là del tradizionale dispositivo di acquisizione dati, qualcosa che permettesse a tutti gli utenti, dagli addetti alle vendite ai retail manager, di ottimizzare la propria attività lavorativa, con un miglioramento della velocità ed efficienza delle operazioni. Il PDA Lynx è una perfetta combinazione di tecnologia, robustezza ed ergonomia che rende il lavoro semplice ed intuitivo, anche nelle condizioni e negli ambienti più difficili", ha commentato Francesco Montanari, Vice President e General Manager Mobile Computing di Datalogic ADC.

****

Datalogic ADC è il leader mondiale nell’Identificazione Automatica e nel settore della Raccolta Dati ed offre soluzioni tecnologiche all’avanguardia per quanto riguarda scanner fissi per il punto vendita, lettori manuali di codici a barre e mobile computer. La gamma Datalogic ADC comprende scanner fissi da incasso e scanner “a presentazione” per il punto vendita, lettori manuali di codici a barre sia multiuso che con caratteristiche industriali e robusti mobile computer, PDA e terminali veicolari industriali.

Datalogic ADC, divisione del Gruppo Datalogic, ha il proprio quartier generale negli Stati Uniti ed è presente in oltre 120 paesi. L’azienda propone soluzioni per applicazioni in diversi settori tra cui sanità, accoglienza/intrattenimento, retail, servizi e in ambito manifatturiero, trasporti e logistica.

Per ulteriori informazioni, visitate il sito www.adc.datalogic.com.

***

Il Gruppo Datalogic, leader mondiale nell'identificazione automatica con focus sui mercati dell’acquisizione automatica dei dati e dell'automazione industriale, è uno dei principali fornitori di soluzioni globali e produttore di lettori di codici a barre, di mobile computer per la raccolta dati, di sistemi a tecnologia RFID e visione ed offre soluzioni innovative per una vasta gamma di applicazioni rivolte ai settori retail, trasporti e logistica e all’industria manifatturiera.

Datalogic S.p.A. è quotata presso il segmento STAR di Borsa Italiana dal 2001, con il simbolo DAL.MI. e ha sede centrale a Lippo di Calderara di Reno (Bologna).

Grazie alla recente acquisizione di Accu-Sort Systems Inc., azienda americana leader nei prodotti e soluzioni per l’identificazione automatica, il Gruppo Datalogic ha raddoppiato la propria presenza nel mercato dell’automazione industriale, conquistando la prima posizione nel mondo nel segmento degli Industrial Bar Code Scanners, con una quota di mercato pari al 31%. Il Gruppo Datalogic, che conta oggi più di 2.400 dipendenti nel mondo, distribuiti in 30 Paesi tra Europa, Nord America, Sud America, Asia e Oceania, nel 2011 ha registrato vendite per 425,5 milioni di Euro. Il Gruppo investe oltre 26 milioni di Euro nel settore Ricerca e Sviluppo, con un patrimonio di oltre 1.000 brevetti in tutto il mondo.

Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito www.datalogic.com.

Datalogic e il logo Datalogic sono marchi registrati di Datalogic S.p.A., registrati in molti Paesi fra cui gli Stati Uniti e l’Unione Europea. I logo Datalogic ADC e Datalogic Automatic Data Capture logo sono marchi registrati Datalogic S.p.A. Lynx è marchio di Datalogic ADC S.r.l.



Riferimenti
Datalogic ADC - e-mail: silvia.ferrari@datalogic.com
Silvia Ferrari – Field Marketing Italia Datalogic ADC

giovedì 22 novembre 2012

CSR MANAGER NETWORK - Responsabilità sociale made in China: anche le aziende cinesi puntano sulla sostenibilità

 

Milano, 22 novembre 2012

 

ANCHE LE IMPRESE CINESI PUNTANO

SULLA RESPONSABILITA' SOCIALE

 

Un incontro alla Cattolica di Milano promosso dal Csr Manager Network fa luce sullo sviluppo delle politiche di corporate social responsibility tra le aziende cinesi

 pronte a competere sul mercato anche sul piano delle politiche di responsabilità sociale

 

 

La Cina si appresta a scendere in campo e competere sui mercati anche sotto il profilo della sostenibilità ambientale e della responsabilità sociale. Quello che sembrava fino ad oggi un asset di differenziazione e valore aggiunto di marchi e prodotti "occidentali" - made in Italy compreso - nei prossimi decenni potrebbe non essere più prerogativa esclusiva delle nostre imprese. Anche le aziende cinesi stanno infatti abbracciando la strada dello sviluppo sostenibile, oggi più che mai in ascesa grazie all'impulso del Governo e delle autorità economiche preposte, evidenziando peraltro interessanti punti di contatto con l'approccio adottato in altri Paesi europei. E' quanto è emerso dal workshop a porte chiuse organizzato lunedi scorso 19 novembre presso l'Università Cattolica di Milano dal Csr Manager Network, l'Associazione che riunisce i responsabili delle politiche di sostenibilità o csr (corporate social responsibility) delle maggiori imprese italiane promossa da Altis (Alta Scuola Impresa e Società dell'Università Cattolica di Milano) e ISVI (Istituto per i valori d'impresa.). L'incontro si è svolto in occasione della visita di una delegazione cinese guidata da Jiang Xin, vice-segretaria generale della China federation of industrial economics (CFIE), la più grande federazione di associazioni industriali del Paese, e composta da alcune delle maggiori "corporation" cinesi tra cui la Shougang Corporation, attiva nella lavorazione dell'acciaio, la China Southern airlines e la Shenyang Blower Works corporation, attiva nella produzione di compressori e soffianti.

 

Secondo i dati diffusi dalla CFIE, nel 2011, il consumo totale di energia e di acqua nelle imprese industriali è calato rispettivamente del 3,49% e dell'8,9% ed è in forte crescita la diffusione degli strumenti di rendicontazione esterna come dimostra il fatto che solo nel 2011 sono state 898 le imprese che hanno presentato un bilancio di sostenibilità, il 18% in più rispetto all'anno precedente. ll Governo cinese sta attribuendo grande importanza alla responsabilità sociale stimolando le imprese a progredire sul piano dell'abbattimento dell'impatto ambientale ed energetico e della qualificazione e rendicontazione pubblica degli impegni intrapresi. Sono inoltre appena state introdotte le prime "Linee Guida per la responsabilità sociale delle imprese e delle associazioni industriali cinesi".

 

Molti i punti di contatto con il nostro Paese evidenziati durante l'incontro. In primo luogo quanto sia ancora esiguo ma in costante crescita come da noi, il numero di imprese cinesi che hanno avviato un percorso di responsabilità sociale. Allo stesso tempo il numero reale di imprese impegnate su questo fronte - ma in modo non codificato o comunque non realizzando bilanci di sostenibilità - è come in Italia ben più ampio. Terza analogia con il nostro Paese la condivisione dei principali standard e riferimenti normativi ai quali anche le aziende cinesi si attengono, primi fra tutti il Global Compact delle Nazioni Unite, lo standard di rendicontazione GRI e l'ISO 26000. Altro elemento interessante è l'approccio adottato, anch'esso di tipo volontario, malgrado si tratti di un Paese ancora caratterizzato da logiche centralizzate di pianificazione socio-economica.

 

"Si è trattato del primo incontro di lavoro tra i manager della sostenibilità italiani e la comunità cinese – ha commentato  Fulvio Rossi, Presidente del Csr Manager Network per capire le opportunità di scambio professionale e i punti di contatto con un Paese che sta facendo grandi passi avanti, sebbene la strada da percorrere sia lunga ed il contesto istituzionale sensibilmente diverso da quello europeo ed italiano.Tra questi punti di contatto – ha proseguito Rossi - ci ha colpito soprattutto l'affermazione anche da noi condivisa che la responsabilità sociale non sia in contraddizione con lo sviluppo economico di un'impresa neanche in periodi di crisi, ma piuttosto precondizione per una sua competitività duratura".

 

Nel corso dell'incontro sono state presentate una serie di best practice illustrate dai rappresentanti delle imprese partecipanti alla delegazione: Xu Jianguo, Director of  Shougang Corporation; Wang Hongyan, Assitant Manager of Shenyang Blower Works Group Corporation; Zhang Baomin, Director of Human Resources, Xinjiang Tianye Stock Co., Ltd; Yao Chuanjiang, Chief of Strategy Management, China  Nonferrous Metal Mining (Group) Co., Ltd; Ye Lei, Assist manager of China Southern Airlines e Liu Manli, Vice President, Shaanxi Textile and Apparel Council

 

 

 

 

 

 

 

 

Il CSR Manager Network è l'associazione che dal 2006 riunisce i professionisti che in ogni tipo di organizzazione si dedicano alla gestione delle problematiche socio-ambientali e di sostenibilità. Gli iscritti sono principalmente Responsabili CSR di aziende italiane e multinazionali http://www.csrmanagernetwork.it/?fuseaction=pagina&id=3 ma sono presenti anche fondazioni d'impresa, società professionali, PA ed enti non profit. Nata per volontà di ALTIS (Alta Scuola Impresa e Società dell'Università Cattolica di Milano) e ISVI (Istituto per i Valori d'Impresa) è oggi il punto di riferimento per la professione e le istituzioni. Ogni anno svolge un'intensa attività di ricerca, education  e divulgazione anche a livello internazionale,  tra cui 5 workshop tematici a porte chiuse, 2 convegni aperti al pubblico e 1 ricerca annuale. Presidente è Fulvio Rossi, Corporate Social Responsibility Manager di Terna http://www.csrmanagernetwork.it

 

 

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *