CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Ultime news di Marketing & Comunicazione

Cerca nel blog

venerdì 19 gennaio 2018

Libraesva consolida la presenza internazionale. Nuova sede in UK a copertura dei mercati APAC e MENA

LIBRAESVA CONSOLIDA IL POSIZIONAMENTO INTERNAZIONALE CON UNA NUOVA SEDE NEL REGNO UNITO

Si estende oltre i confini nazionali la copertura diretta di soluzioni avanzate di email security della società italiana che ufficializza la nuova sede nel Regno Unito e la nascita di Libraesva Limited

Milano/Lecco, 19 Gennaio 2018 - Libraesva, società italiana leader nella fornitura di soluzioni avanzate di email security, annuncia il proprio consolidamento nei mercati esteri con l'apertura di Libraesva Limited, la nuova sede britannica, attiva dallo scorso settembre. 

Il presidio della società lecchese e delle sue soluzioni di email security raggiunge così in maniera più capillare i mercati internazionali, soddisfacendo la domanda crescente di aziende e utenti finali di soluzioni di email security avanzate quale è il gateway ESVA – Email Security Virtual Appliance.

L'annuncio giunge a seguito di un semestre di intense attività volte a concretizzare il piano di internazionalizzazione iniziato nel 2014 che puntava ad aprire un canale di business e commerciale aggiuntivo alla sede centrale italiana nel territorio inglese, considerato strategico per l'instaurarsi di relazioni efficaci con aziende attive nelle aree APAC e MENA oltre che negli Stati EMEA.

"In un mondo connesso e in comunicazione H24 su tutti i device e sempre più in mobilità, diviene urgente la necessità di supportare i nostri clienti nella loro quotidiana lotta contro minacce informatiche esterne ovunque abbiano sede" dichiara Rodolfo Saccani, Security R&D Manager in Libraesva.

In questo panorama che si propone sfidante in termini di sicurezza informatica per l'Italia così come per altri Paesi europei e non solo, la scelta di Libraesva di avvicinarsi anche fisicamente alle aziende e agli utenti sotto minaccia costituisce un milestone importante che, come spiega il Ceo&Founder Paolo Frizzi "E' parte della strategia di internazionalizzazione intrapresa qualche anno fa e che trova una sua concretizzazione anche territoriale esattamente dove avevamo rivolto i nostri investimenti".

All'attività commerciale condotta in questi anni sui mercati internazionali dalla società lecchese si affianca dunque un presidio maggiore a partire dalla terra d'Albione, dove Libraesva e le sue soluzioni hanno già un seguito professionale interessante e interessato – basti pensare a riconoscimenti quali i Computing Security Awards vinti per quattro anni consecutivi nella categoria 'Antispam of the year' o ancora ai Red Herring Awards di Amsterdam che hanno premiato Libraesva tra le 100 aziende europee più innovative per la sua Appliance Virtuale per la sicurezza delle email ESVA, che si è dimostrata una delle più efficienti soluzioni presenti sul mercato della sicurezza informatica.

Frizzi si dice soddisfatto del percorso fatto fino ad oggi, dichiarando "Libraesva nasce per porsi a supporto di ogni tipologia di organizzazione, pubblica e privata, nella prevenzione dai danni derivanti da un crimine informatico che non accenna a diminuire il proprio potere di attacco attraverso le differenti geografie. Essere al loro fianco, sostenendole proprio dove queste operano e raggiungendole in modo agevole, è un dovere che con piacere assolviamo, certi che i risultati e le performance che ci sono stati finora riconosciuti conosceranno ulteriori conferme".


mercoledì 17 gennaio 2018

I Brands di Haircare più performanti sui social

L'indagine Top Brands di Blogmeter, realizzata con il nuovo tool di Social Analytics, incorona al primo posto del rating l'Oréal Italia, seguito da Biopoint e Testanera


Torna il tradizionale appuntamento mensile con la Top Brands di Blogmeter che in questa occasione ha messo sotto la propria lente di ingrandimento il settore Haircare. 

In particolare la Top Brands ha analizzato le performance di tutte le pagine ufficiali Facebook, Twitter, Instagram e YouTube dei brand di Haircare che si rivolgono esclusivamente al mercato italiano, escludendo prodotti per saloni professionali e brand beauty il cui focus principale non sono i prodotti per capelli. 

Va segnalato che la classifica dei migliori brand sui social media è stata effettuata utilizzando il nuovo tool di Social Analytics che sarà disponibile dal prossimo mese di  febbraio

In questo modo Blogmeter ha potuto analizzare le social performance complessive dei brand presi in esame, potendo così verificare in che percentuale i diversi social sono stati significativi rispetto all'engagement totale.

L'Oréal Italia conquista il primo gradino del podio puntando soprattutto su Facebook

Al primo posto del rating si posiziona L'Oréal Italia, il marchio francese leader mondiale della bellezza con un'attività di comunicazione che, per la lingua italiana, si concentra su Facebook e YouTube, sebbene quest'ultimo canale occupi un ruolo secondario: su un totale di 13.100 interazioni, ben il 93,7% derivano infatti da Facebook. 

L'attività maggiore del profilo è segnalata in data 29 dicembre, quando l'engagement tocca il picco di 8.200 interazioni grazie soprattutto al post dedicato ai Washout Colorista, che risulta essere il contenuto più engaging tra quelli di tutti i brand analizzati. Secondo posto per Biopoint con 11.000 interazioni nei 31 giorni del mese, provenienti per l'83,3% da Facebook, ma con un buon 16,7% da Instagram. 

La strategia di comunicazione del brand prevede una pubblicazione pressoché parallela sui due social, così che giorni di alto engagement si alternano ad altri in cui l'engagement è pari a zero. Anche in questo caso, il post più coinvolgente è stato pubblicato su Facebook il giorno 29 dicembre (i giorni tra Natale e Capodanno sembrano essere terreno fertile per le interazioni) e presenta dei prodotti della linea Super Nutriente per un engagement totale di 1.200.

Testanera, Pantene e Bioscalin

Testanera si attesta invece in terza posizione con un engagement totale di 8.800 interazioni, il 100% delle quali dal social di Zuckerberg: su tutti gli altri social, infatti, non sono stati pubblicati contenuti nel mese di dicembre. Comune è l'uso da parte del brand di affiancare prodotti ad influencer, come Sonia Grispo o Martina Pinto, sicuramente una mossa azzeccata dal momento che questi ultimi risultano essere tra i post più engaging. 

Pantene arriva invece quarta con 7.700 total engagement, con Instagram a trainare fortemente il risultato: da questo canale, infatti, derivano ben il 72,4% delle interazioni, mentre Facebook pesa per il 22,8% e YouTube per 4,8%. È innegabile che il numero di interazioni sia estremamente legato alla figura di Chiara Ferragni, brand ambassador dal 2016: quest'ultima compare in tutti i post più engaging. 

La foto che ha ricevuto più like è infatti un repost del contenuto di Chiara Ferragni che mostra orgogliosa l'articolo che la vede in copertina non in veste di fashion blogger ma di vera imprenditrice. 

L'ultimo posto della classifica redatta da Blogmeter è invece occupato da Bioscalin, leader nel mercato anticaduta che nel mese di dicembre ha comunicato unicamente attraverso Facebook, ottenendo 1.600 interazioni dai 18 post pubblicati su questa piattaforma. I post risultati più engaging sono quelli a tema natalizio, in cui i prodotti del brand vengono proposti come ottime idee regalo per le feste.


Blogmeter, fondata nel 2007, è azienda leader nella social media intelligence, specializzata nel fornire soluzioni di social media monitoring e analytics ad agenzie e aziende. 

Blogmeter offre un'ampia gamma di strumenti per monitorare e analizzare le conversazioni e le interazioni sui social media: Social Listening: per scoprire cosa viene detto online su brand, prodotti, servizi e personaggi pubblici; Social Analytics: per misurare le performance dei profili aziendali su Facebook e Twitter, scoprire influencer e identificare i post più engaging; SocialTVmeter: per misurare le conversazioni su show televisivi e relativi episodi, ospiti e conduttori, su Facebook e Twitter. 
Social Bullguard: per gestire e misurare il social customer care e la comunicazione su Twitter e Facebook.


--
www.CorrieredelWeb.it

martedì 16 gennaio 2018

RE/MAX al 5° posto della classifica Franchise 500 di Entrepreneur. Primo brand del settore Immobiliare

RE/MAX si posiziona nella TOP FIVE
della classifica Franchise 500® di Entrepreneur
Il Gruppo RE/MAX, ancora una volta, risulta essere il miglior Franchising del settore Immobiliare

RE/MAX, LLC, uno dei migliori franchisor al mondo nel settore dei servizi di intermediazione immobiliare, si è posizionato al quinto posto tra le 500 società in franchising incluse nell'indagine Entrepreneur Franchise 500® di quest'anno. Sono stati più di 1.000 i franchisor che hanno fatto domanda per rientrare nella 39esima edizione della classifica annuale.
Secondo Entrepreneur, i franchising che hanno raggiunto i vertici della classifica rivelano le nuove tendenze e rappresentano le industrie che continuano ad espandersi decennio dopo decennio.
RE/MAX, quest'anno è salito di cinque posizioni in classifica raggiungendo così il quinto posto, ed ottenendo il suo miglior posizionamento di sempre, seguendo a ruota McDonald's, 7-11 Inc., Dunkin 'Donuts e The UPS Store. Per la quindicesima volta, in 19 anni, RE/MAX risulta essere il miglior franchising immobiliare secondo la classifica Franchise 500 del 2018. 
"Nessuno al mondo vende più immobili di RE/MAX, in base al numero di transazioni residenziali concluse ", - ha affermato Adam Contos, Co-CEO di RE/MAX - "I Broker e gli agenti immobiliari scelgono di affiliarsi al nostro Gruppo per la nostra brand awareness, per la formazione continua in aula e on-demand offerta costantemente agli affiliati, per i vantaggi competitivi e la tecnologia avanzata messa a loro disposizione, RE/MAX risulta essere il miglior marchio del settore immobiliare nel mondo. Entrepreneur continua a posizionarci sempre più in alto in classifica rispetto ai nostri competitor e ciò è dovuto alla qualità ineguagliata dei professionisti del settore immobiliare affiliati alla rete RE/MAX."
I punti salienti dell'indagine del Franchise 500 del 2018 includono:
- RE/MAX è risultata al 5° posto, la miglior posizione in assoluto mai raggiunta prima, passando dal 10° nel 2017, al 21° nel 2016 e al 75° nel 2015
- RE/MAX si è classificata al primo posto tra i network in franchising nell'immobiliare
- Gli altri brand del settore real estate si sono posizionati come segue: 22° posto Keller Williams Realty, 37° posto HomeVestors of America, 139° posto Weichert Real Estate Affiliates , 230° posto Realty One Group, 424° posto  Realty Executives e United Real Estate al 471 posto nella classifica Franchise 500 di Entrepreneur.

ü Le prime 10 posizioni della classifica generale Franchise 500® di Entrepreneur:
  1. McDonald's,
  2. 7-11, 
  3. Dunkin 'Donuts,
  4. The UPS Store,
  5. RE/MAX, 
  6. Sonic,
  7. Great Clips,
  8. Taco Bell,
  9. Hardee's
  10. Sport Clips.

Da un unico ufficio aperto nel 1973 a Denver, Colorado, RE/MAX è diventata una rete immobiliare globale con oltre 115.000 collaboratori in oltre 100 paesi e territori. RE/MAX si è classifica miglior franchising immobiliare per il nono anno consecutivo nel sondaggio Top 200+® del Franchise Times 2017 ed è stata nominata la migliore società immobiliare nella lista Top Global Franchises 2017 di Entrepreneur.
Franchise 500 è considerata la più longeva e completa classifica al mondo riferita al settore del franchising. Le Aziende vengono giudicate secondo gli stessi criteri che includono costi e commissioni, dimensioni e crescita, supporto, brand awareness, solidità finanziaria e stabilità. Per essere ammessi, i franchisor devono aver aperto nuovi franchising negli Stati Uniti o in Canada e avere un minimo di 10 unità aperte e operative a partire dal 31 luglio 2017, con almeno un franchising in Nord America.   

--
www.CorrieredelWeb.it

Thales Alenia Space fornirà un trasmettitore a banda X per la missione di osservazione della Terra KOMPSAT-7

Roma, 16 Gennaio 2018 – Thales Alenia Space, joint venture tra Thales 67% e Leonardo 33%, ha siglato un nuovo contratto con KARI, Istituto di Ricerca Aerospaziale Coreano, per la fornitura di un sistema per le comunicazioni in banda X per la missione KOMPSAT-7 (Korea Multi-Purpose Satellite 7 - Satellite Multifunzione Coreano 7), con un lancio stimato per il 2021 e un'aspettativa di vita di cinque anni.

KOMPSAT-7 è una missione di osservazione della Terra a orbita terrestre bassa (LEO) sviluppata da KARI per fornire immagini satellitari ad alta risoluzione per soddisfare le esigenze nazionali della Corea del Sud.

Il satellite avrà a bordo uno strumento ottico ad alta risoluzione, AEISS-HR (Advanced Earth Imaging Sensor System-High Resolution), con una risoluzione di punta pari a 0,3 m. Il sistema a banda X sarà incaricato di trasmettere le immagini ad alta risoluzione alla stazione di terra ad alta velocità di downlink.

"Thales Alenia Space è onorata della fiducia risposta da KARI nella nostra esperienza e affidabilità nel fornire strumentazione e payload di comunicazione satellitare di ultima generazione" - ha dichiarato Eduardo Bellido, CEO di Thales Alenia Space in Spagna - " Il nostro contributo al programma di osservazione della Terra KOMPSAT-7 - ha aggiunto - è l'ultima milestone di una collaborazione di lunga durata con KARI, in programmi diversi come COMS-1, KOMPSAT-3A, GEO-KOMPSAT-2, KOMPSAT-6, CAS500 and KPLO. "

--
www.CorrieredelWeb.it

lunedì 15 gennaio 2018

Oggi è il "Blue Monday", dalla master coach i 10 consigli per superare il giorno più triste dell'anno

"BLUE MONDAY", OGGI È IL GIORNO PIÙ TRISTE DELL'ANNO: DALLA MASTER COACH MARINA OSNAGHI ARRIVANO I CONSIGLI SU COME SUPERARLO AL LAVORO

Nonostante sia nato come operazione di marketing, il "Blue Monday" si è radicato nella cultura anglosassone come il giorno simbolicamente più triste dell'anno e diversi esperti hanno confermato le difficoltà psico-fisiche nel tornare operativi dopo le ferie. Tra i fattori determinati la fine delle vacanze, il freddo e il cumulo di mansioni da sbrigare. Dalla master coach Marina Osnaghi arrivano i consigli per superare questo malessere sul luogo di lavoro.

Se Vasco Rossi nella celebre canzone Lunedì afferma "Odio quel giorno lì", Daniel Pennac ha scritto nel suo La Lunga notte del dottor Galvan che "Tutta quella bella gente faceva il possibile per sottrarsi al lunedì mattina" e, come se non bastasse, per la Legge di Murphy "Ogni lunedì mattina s'inizia una settimana che sarà peggiore di quella precedente e migliore di quella successiva". 

Una difficoltà nell'iniziare la settimana che coinvolge non solo cantanti e scrittori, ma anche milioni di persone, soprattutto se il lunedì in questione è quello che nel mondo anglosassone è stato ribattezzato Blue Monday, ovvero il giorno più triste dell'anno che cade convenzionalmente il terzo lunedì di gennaio.

Individuato da Cliff Arnall, psicologo dell'Università di Cardiff, attraverso una controversa formula, dove le variabili sono il meteo, i debiti, i giorni passati dal Natale e quelli trascorsi dall'abbandono dei buoni propositi, e reso virale da una campagna di un'agenzia di viaggi, il Blue Monday si è trasformato in un appuntamento fisso nel mondo anglosassone, dove sono nate perfino delle organizzazioni che intervengono per aiutare le persone a superare questa difficile giornata.

 Al confine tra realtà e marketing, è innegabile però che i lunedì rendano la vita più difficile alle persone, soprattutto a chi lavora, come ammesso sulle colonne del magazine accademico che riunisce le università britanniche The Conversation da Paula Jarzabkowski, professoressa di Strategic Management alla Cass Business School dell'Università di Londra: ma come fare per battere il Blue Monday e tutti gli altri difficili lunedì dell'anno?

"Inizia l'anno, si rientra in ufficio e le vacanze di Natale sono oramai un ricordo. I pensieri riguardanti il triste ritorno alla routine affiorano e si fanno via via sempre più intensi in questo periodo – afferma Marina Osnaghi, prima Master Certified Coach in Italia – Il lavoro arretrato si ripresenta, magari ancora più amplificato, e l'angoscia comincia sottile ed anche più forte ad impossessarsi di te, senza dare tregua. Inizi a darti la colpa di essere in ritardo per aver sprecato il tuo tempo. Per non parlare delle abitudini: forse in vacanza hai assaporato la libertà di fare cose per te stesso, per la tua famiglia, e ora temi che appena torni, tutto sarà come prima di staccare, e tornerai nel gorgo dei soliti comportamenti. Siamo vittime del Blue Monday non solo oggi, ma ogni lunedì, e nemmeno lo sappiamo. Per la precisione non ci rendiamo conto del processo che il nostro cervello vive ogni domenica sera quando deve elaborare il lutto della fine del week end e iniziare la settimana".

Se per molti la formula attribuita ad Arnall sarebbe pseudo-scienza, la teoria generale del Blue Monday avrebbe comunque delle conferme a livello statistico e scientifico: secondo quanto riportato dal The Sidney Morning Herald, un sondaggio condotto in Australia dalla compagnia telefonica Telstra ha rivelato come circa 3 millennials su 4 temono fortemente il rientro al lavoro dopo le festività

Un dato che cala con l'aumentare dell'età degli intervistati: si passa dal 74% nella fascia 18-24, al 69% tra i 25 e i 34 anni, al 59% tra i 35 e in 44, fino al 51% tra i 45 e i 54 anni. Un dato che spiegato da Michael Leiter, professore di psicologia organizzativa alla Deakin University, come una paura che aumenta in basa alla giovane età in corrispondenza di ruoli di minor importanza e maggior fatica

Ma non è tutto: la psicologa Jacqui Manning ha aggiunto che l'infelicità al lavoro può manifestarsi con più forza dopo qualche settimana di ferie. Perfino le aziende si attivano per aiutare i propri clienti a superare il Blue Monday: come riportato dalla CNBC, la Tesco offre frutta gratuitamente durante questa giornata proprio perché "Sappiamo che in questa ricorrenza è più probabile che i nostri clienti soffrano della tristezza di gennaio", come ammesso alla testata da Josh Hardie, Corporate Responsibility Director.

Ecco infine i 10 consigli della master coach Marina Osnaghi per vivere meglio il Blue Monday e tutti i lunedì nel corso dell'anno lavorativo:
  1. VIETATO RIMUGINARE
Rimuginare sul rientro e sulla negatività stimola tristezza e insoddisfazione.
  1. DEDICATI DEL TEMPO
Pratica un'attività piacevole, anche una cosa banale, fino a 30 minuti al giorno.
  1. STOP AL PRANZO DI CORSA
Il pranzo, il caffè o il tè, goditelo seduto e comodo: ti riporterà all'atmosfera delle festività.
  1. ANALIZZA IL TUO APPORTO CON IL COACHING
Rispondi a queste domande: qual è il contributo che voglio dare col mio lavoro? Cosa tendo a realizzare nelle differenti situazioni? Come posso realizzare al meglio ciò a cui tendo?
  1. FOCALIZZA VALORI E LINEE GUIDA
Rifletti su di te e su chi ti circonda in senso positivo e costruttivo.
  1. SCOPRI IL TESORO DIETRO IL MALESSERE
Dietro al malessere del lunedì potrebbe esserci un tesoro: trova il tuo valore, la buona ragione per cui ti infastidisci, ciò che persegui ed il modo in cui lo vorresti realizzato.
  1. COMINCIA A DIRE NO UNA VOLTA PER TUTTE
Apri le braccia a te stesso e smetti di voler subire. Non serve ribellarsi urlando, basta stabilire il proprio limite con tranquilla fermezza.
  1. RINUNCIA A SUBIRE SITUAZIONI CHE SI TRASCINANO DA TEMPO
Spesso sono favorite da abitudini che ti portano nei guai prima ancora che tu te ne accorga. Sono le vecchie abitudini distruttive che ci portano sempre nelle solite situazioni.
  1. SEI UN CAPO? ORGANIZZA RIUNIONI CON UN APPROCCIO COACHING
Tieni in considerazione il feedback con i collaboratori e celebra i cicli intermedi, chiedendoti cosa è stato realizzato fin qui di positivo, e come sia possibile arrivare al traguardo con rinnovata energia.
  1. NEL WEEKEND METTITI IN VACANZA
Anche se devi svolgere delle commissioni, cerca di staccare sul serio. Ritrovando il gusto di stare con gli amici, la famiglia, i figli, senza vivere il tuo tempo come se fosse 'rubato' ai tuoi doveri.

Al via la campagna pubblicitaria di Raro by Nicolaus dedicata ad Abu Dhabi su metro Roma e Milano

RARO BY NICOLAUS: AL VIA LA CAMPAGNA PUBBLICITARIA IN COLLABORAZIONE CON IL DIPARTIMENTO CULTURA E TURISMO DI ABU DHABI

Video di 15 secondi dal forte appeal, on-air sugli schermi Telesia del Gruppo Class, posizionati nelle metropolitane di Roma e Milano.

Milano, gennaio 2018 – Il tour operator Raro by Nicolaus, specializzato nella creazione di proposte di viaggio tailor made worldwide, in collaborazione con il Dipartimento Cultura e Turismo di Abu Dhabi, porta la bellezza di Abu Dhabi nelle metropolitane di Roma e di Milano, attraverso una campagna video dal forte appeal, attiva in questi giorni fino alla metà di febbraio sugli schermi gestiti da Telesia SpA, società del Gruppo Class Editori.

Il video, della durata di 15 secondi, racconta l'unicità del Paese, in un ritmato susseguirsi di inquadrature che richiamano un piano sequenza fatto di emozionanti soggettive e panoramiche mozzafiato. Climax del montato, l'immagine finale dello skyline ripreso dal mare, siglata dalla scritta "Abu Dhabi, Your Extraordinary Story – Raro by Nicolaus, viaggi unici, emozioni autentiche".

La messa a punto della campagna è frutto di una partnership tra l'operatore e Dipartimento Cultura e Turismo di Abu Dhabi che dura da anni, finalizzata alla valorizzazione dell'offerta turistica dell'Emirato di Abu Dhabi, meta in costante crescita sulla piazza italiana, particolarmente apprezzata dai luxury traveller e dagli honeymooner.

Oltre che per le sue attrattive, fra cui figura anche lo straordinario museo Louvre Abu Dhabi, recentemente inaugurato, la particolarità della meta mediorientale è anche data dal suo essere un hub fondamentale per raggiungere l'Oceano Indiano e l'Estremo Oriente, mete chiave di Raro by Nicolaus.

"Abbiamo fortemente voluto questa campagna per valorizzare la particolarità di una destinazione che piace sempre di più al mercato italiano, anche grazie alla dinamicità della sua offerta turistica e alla particolarità della sua offerta in continua evoluzione. Recentemente abbiamo diversificato ulteriormente la programmazione con l'inserimento di proposte che includono l'ingresso al Louvre, nuove esperienze nel deserto e le isole di Saadiyat e di Sir Bani Yas. Per raccontarne la bellezza abbiamo realizzato un video coinvolgente, dalla cifra stilistica contemporanea, girato tra mare, deserto, avveniristiche architetture, la straordinarietà del Louvre Abu Dhabi e l'elettrizzante dimensione di possibilità uniche legate all'intrattenimento", commenta Vito Facciolla, product manager Raro by Nicolaus."



--
www.CorrieredelWeb.it

domenica 14 gennaio 2018

Arrivano in edicola le 3D Figurines di “Bat Pat”

ARRIVANO IN EDICOLA LE 3D FIGURINES DI "BAT PAT"

Grazie all'accordo con Tema Promotion, debuttano in edicola la collezione di 10 figures dedicate alla serie animata con tutti i travestimenti più divertenti di Bat Pat e il coloratissimo album stick and stack
  

Grazie all'accordo tra la divisione Licensing di Altantyca Entertainment e l'azienda italiana di prodotti collezionabili e articoli promozionali Tema Promotion, da gennaio arriva in edicola la collezione di 3D figurines dedicate a Bat Pat, la serie animata d'avventura, comica e paurosa, che racconta come mostri e creature soprannaturali non siano sempre cattivi ma spesso semplicemente… incompresi!

La collezione sarà composta da 10 figures vendute in edicola in Flow Pack all'interno di appositi display box. In ogni bustina una figurina dedicata al divertentissimo pipistrello con tanti "travestimenti" differenti: in versione mummia pasticciona, arbitro sportivo, goloso festaiolo, zucca di Halloween, punk con tanto di cresta sulla testa, ma anche in abiti gipsy, rock, country, rasta e beach in attesa dell'estate. Inoltre, successivamente, arriverà in edicola anche un album di stickers attacca/stacca per inventare, adesivo dopo adesivo, le proprie storie preferite. Tema Promotion supporterà il lancio a gennaio 2018 con un'intensa campagna pubblicitaria tv e social.

Spiega Marco Piccinini, Licensing Manager di Atlantyca: "Il divertimento e l'imprevedibilità sono due degli ingredienti chiave di Bat Pat. Per questo la collaborazione con Tema Promotion e l'arrivo in edicola delle 10 3D figurines e dell'album di stick&stack ci rende particolarmente orgogliosi: perché offre a tutti i fan di Bat Pat la possibilità di creare le proprie storie e portare sempre con sé un personaggio amatissimo che non smette di far sorridere tutti i giovani telespettatori, che seguono le avventure del simpatico pipistrello in tv e attraverso i libri editi da Edizioni PIEMME".

"Bat Pat" è prodotta da Atlantyca Entertainment con Imira, con la partecipazione di Rai e RTVE ed è stata venduta in Italia, Spagna, Belgio, Svezia, Lituania, Singapore, Sri Lanka, America Latina, Giappone, Regno Unito, Ungheria e Medio Oriente.
 



--
www.CorrieredelWeb.it

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *