Cerca nel blog

venerdì 7 aprile 2017

Ugo Biggeri, presidente di Banca Etica, eletto nel board della Global Alliance for Banking On Values

40 banche attente al sociale, 24 milioni di clienti e 110 miliardi$ di attivi

Al via le iscrizioni per il Massive Open Online Course sulla finanza sostenibile in collaborazione con l'MIT di Boston. 


Il presidente di Banca popolare Etica - Ugo Biggeri - è stato eletto come componente del board della Global Alliance for Banking on Values (gabv): il network di 40 banche che operano in tutto il mondo per promuovere un'economia rispettosa dell'ambiente e degli esseri umani.

L'elezione è avvenuta nel corso del vertice degli scorsi giorni a Kathmandu (Nepal) che ha riunito esponenti di tutte le banche aderenti, certificando la crescita del movimento: le 40 banche aderenti oggi servono 24 milioni di clienti tra Nord e Sud America, Europa, Africa, Asia e Australia; impiegano 42 mila collaboratori e collaboratrici e gestiscono attivi per 110 miliardi di dollari.

A Kathmandu i responsabili della banche ispirate a criteri di responsabilità sociale e ambientale si sono impegnati a rafforzare gli sforzi per promuovere lo sviluppo sostenibile nelle comunità di appartenenza e su scala globale; ad far crescere nei cittadini,su i media e tra le istituzioni la consapevolezza dei grandi cambiamenti positivi che si possono ottenere con un uso responsabile del denaro; a integrare la rivoluzione tecnologica e digitale nei processi di crescita della finanza responsabile per raggiungere sempre più persone senza sacrificare il valore delle relazioni.
  
"La GABV  rappresenta a livello mondiale la finanza sostenibile e responsabile nella sua forma popolare, nata dal basso, dai cittadini, dalle Ong dalle idee di cambiamento. Fare banca sui valori significa avere obiettivi sociali, ambientali e di prosperità per le comunità e per le banche stesse. I numeri in crescita dimostrano quanto bisogno ci sia di finanza responsabile nel mondo - dice Ugo Biggeri -. La mia elezione nel board della Gabv rappresenta un riconoscimento importante per Banca Etica e per la passione che mette nella sua interpretazione della finanza etica partecipata e collegata alle reti sociali. Una caratterizzazione che rappresenta anche il maggior contributo che daremo nel board".

Intanto la Gabv ha annunciato che a partire dal 25 aprile chi lo desidera può iscriversi alla seconda edizione del Massive Open Online Course "Just Money: Banking as if Society Mattered" a cura del Massachusetts Institute of Technology (MIT). La prima edizione del 2016 è stata un grande successo con oltre 8.000 iscritti da 160 Paesi. 

Banca Etica è la prima e tutt'ora unica banca italiana interamente dedita alla finanza etica, opera su tutto il territorio nazionale attraverso una rete di filiali, banchieri ambulanti e grazie ai servizi di home e mobile banking. Banca Etica raccoglie il risparmio di organizzazioni e cittadini responsabili e lo utilizza interamente per finanziare progetti finalizzati al benessere collettivo. 

Oggi Banca Etica conta 40 mila soci e 60 milioni di capitale sociale; una raccolta di risparmio di 1,2 miliardi di euro e finanziamenti per quasi un miliardo a favore di  iniziative di organizzazioni, famiglie e imprese nei settori della cooperazione sociale, cooperazione internazionale, cultura e qualità della vita, tutela dell'ambiente, diritto alla casa, legalità. Nel 2014 Banca Etica ha aperto la sua prima filiale all'estero, a Bilbao in Spagna. 

Il Gruppo Banca Etica include Etica sgr, società di gestione del risparmio che propone esclusivamente fondi comune di investimento etici, e la Fondazione Finanza Etica che promuove iniziative di studio e sensibilizzazione sull'educazione critica alla finanza. Banca Etica è l'unico istituto di credito italiano aderente alla Global Alliance for Banking on Values, il network di 40 banche che in tutto il mondo si ispirano alla promozione sostenibilità sociale e ambientale.



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI