CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Ultime news di Marketing & Comunicazione

Cerca nel blog

giovedì 16 marzo 2017

WELFARE. PRESENTATA LA SPERIMENTAZIONE DI STRUMENTI PAY-BY-RESULT PER IL REINSERIMENTO SOCIALE DI PERSONE DETENUTE

Human Foundation e Fondazione Sviluppo e Crescita CRT elaborano lo studio di fattibilità su un modello innovativo per investire sui risultati


Torino, 16 marzo. Alla presenza del Ministro della Giustizia Andrea Orlando, la Presidente di Human Foundation Giovanna Melandri e il Segretario di Fondazione Sviluppo e Crescita CRT Massimo Lapucci, hanno presentato, presso la Sala del Consiglio della Camera di Commercio di Roma, lo studio di fattibilità "L'applicazione di strumenti pay by result per l'innovazione dei programmi di reinserimento sociale e lavorativo delle persone detenute".

Lo studio è stato realizzato da Human Foundation e Fondazione Sviluppo e Crescita CRT, con l'apporto del Politecnico di Milano, dell'Università di Perugia e di KPMG, con il supporto del Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria e la fattiva collaborazione della direzione dell'Istituto Lorusso e Cutugno di Torino.

Lo spunto per questo lavoro parte dalla crescente limitatezza di risorse pubbliche per investimenti finalizzati alla sperimentazione di servizi di welfare innovativi. Per sopperire alla scarsezza di risorse per l'innovazione sociale, il settore privato, collaborando con la Pubblica Amministrazione, può offrire un prezioso contributo ai processi di applicazione di nuove politiche per l'inclusione.

La ricerca presentata, intende per l'appunto illustrare questa nuova modalità di collaborazione pubblico-privato nel settore delle politiche per il reinserimento sociale e lavorativo delle persone detenute.

Il gruppo di lavoro, coordinato da Human Foundation, ha articolato una riflessione sulla coerenza e sulla fattibilità di un'iniziativa Pay by Result (PbR), finalizzata alla sperimentazione di un programma innovativo che favorisca il reinserimento dei detenuti. Alla base di questi strumenti, vi è l'idea di promuovere la sperimentazione di progetti altamente innovativi, orientati a generare benefici misurabili a vantaggio di una determinata popolazione target, ai quali possa essere associato un preciso valore finanziario, approssimato in termini di risparmi futuri rispetto agli attuali livelli di spesa per l'erogazione dei servizi: se la persona detenuta, al termine del percorso trattamentale e detentivo, non farà ritorno nel circuito carcerario, la Pubblica Amministrazione vedrà benefici in termini di risparmi rispetto a costi diretti. Pensiamo, ad esempio, all'eventuale minor numero di pasti da erogare, così come alla riduzione delle spese legate a garantire le misure di sicurezza nell'istituto. Vi sono, poi, benefici indiretti: la comunità godrà di un abbassamento del tasso di criminalità, sino ad arrivare ad un maggiore gettito fiscale laddove il detenuto venga impiegato stabilmente.

Solo nel caso in cui questi risultati siano effettivamente raggiunti e verificati da una terza parte indipendente, allora la PA ripagherà gli investitori privati che, di fatto, hanno anticipato il finanziamento per testare l'efficacia del progetto, riducendo per lo Stato il rischio d'investimento e l'inefficace dispendio dei contributi fiscali dei cittadini.

Il Ministro Andrea Orlando ritiene infatti che: "sia necessario passare da un carcere di tipo fordista, che per casi diversi prevede trattamenti uguali, ad un carcere che invece individualizzi il trattamento e offra opportunità concrete di reinserimento. Solo un sistema che assicuri il reinserimento sociale può infatti garantire la sicurezza pubblica. Auspico pertanto che a questo studio faccia seguito la sperimentazione pilota, da cui partire per rinnovare l'intero sistema penitenziario del nostro Paese. Il modello virtuoso presentato oggi può inoltre contaminare positivamente altri ambiti del welfare pubblico".

Anche la Presidente di Human Foundation, Giovanna Melandri si dice "convinta che questa sia la strada giusta per poter sperimentare servizi sociali fondamentali e innovativi, realizzando nuovi modelli applicabili in tutto il terzo settore. A Human Foundation da tempo studiamo e proponiamo l'utilizzo di modelli finanziari che collegano l'investimento ai risultati sociali ottenuti (pay for result), grazie ai quali è possibile la collaborazione tra pubblico e privato secondo criteri di trasparenza e una maggiore efficienza dell'offerta ai cittadini. Sarebbe davvero un grande fatto se si cominciasse a sperimentare questo SIB per le politiche di reinserimento sociale e lavorativo dei detenuti".

Il Segretario Generale della Fondazione Sviluppo e Crescita CRT e Vice Presidente di Social Impact Agenda per l'Italia Massimo Lapucci sottolinea: "L'impact investing, anche grazie ad innovativi strumenti finanziari come i Social Impact Bond, è in grado di coniugare risparmi di spesa pubblica, tangibili risultati sociali e realistiche prospettive di ritorno dei capitali investiti nel tempo. La Fondazione Sviluppo e Crescita – CRT è pioniera nello stimolare e proporre in Italia questo nuovo approccio all'investimento e le politiche di reinserimento sociale dei detenuti costituiscono un campo di sperimentazione ottimale nel contesto giuridico e del welfare italiano. Siamo particolarmente soddisfatti - specie nell'anno del decennale della Fondazione Sviluppo e Crescita CRT- di poter mettere per la prima volta al servizio del Paese e a beneficio della collettività un nuovo strumento per il sociale che auspichiamo possa essere presto replicato anche in altri ambiti di applicazione "..




--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *