CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Ultime news di Marketing & Comunicazione

Cerca nel blog

lunedì 31 gennaio 2011

Apps Organizer

Nell’ambito delle applicazioni android da scaricare sui cellulari android, “Apps Organizer” è una delle applicazioni più utilizzate, dal momento che consente di mettere ordine sulla propria home screen, organizzando le varie applicazioni android in degli appositi gruppi, a seconda della loro tipologia.
Il principio su cui si basa Apps Organizer per cellulari android è molto semplice, ed è lo stesso che viene messo in pratica nelle home page dei personal computer: i diversi file (nel caso dei cellulari android, le applicazioni android) sono suddivisi all’interno di cartelle, ognuna delle quali identifica una particolare tipologia di contenuti; con Apps Organizer, dunque, sarà possibile suddividere le applicazioni android scaricate sul cellulare in diversi gruppi quali ad esempio giochi, social networking, applicazioni di telefonia ecc.
Scaricando Apps Organizer sul proprio cellulare, si ha la possibilità di gestire in maniera completamente libera le varie cartelle, e le diverse applicazioni non sono inserite automaticamente in delle cartelle prestabilite, ma possono essere spostate ed inserite direttamente dall’utente, così come è possibile creare delle nuove cartelle ed eliminarne delle altre.
Apps Organizer è sicuramente l’applicazione più indicata per chi ha scaricato sul proprio cellulare una grande quantità di applicazioni android; tra le applicazioni android di questo genere va ricordato anche Multicon Widget, il quale però non ordina le varie applicazioni, ma semplicemente fa comparire un maggior numero di icone sulla home screen.

Interruttori di protezione combinati

Con la nuova serie d’interruttori di protezione UT 6-TMC M, Phoenix Contact combina i vantaggi dei morsetti portafusibili, in termini di ripartizione del potenziale, siglatura e ingombro, con quelli degli interruttori di protezione magnetotermici.

Con gli interruttori di protezione è possibile collegare conduttori con sezioni fino a 10 mm². Ciò consente di evitare l’utilizzo di morsetti di alimentazione aggiuntivi e la ripartizione del potenziale, con il sistema di ponticellamento a innesto FBS, garantisce la portata di corrente. La siglatura avviene in modo semplice con il materiale di siglatura standardizzato.

Gli interruttori di protezione magnetotermici tradizionali hanno una larghezza tipica di 17,5 mm. I nuovi interruttori di protezione occupano uno spessore di soli 12,3 mm nel quadro elettrico, rendendo possibile un risparmio di spazio pari al 30%.

Gli interruttori di protezione sono disponibili in vari livelli di corrente da 0,5 A a 16 A. La curva caratteristica semi-ritardata M è particolarmente indicata per la protezione delle apparecchiature di un impianto. Con le tensioni nominali di 240 V AC e 28V DC si coprono i principali campi d’impiego.

Plinio il Giovane presenta le sue anteprime

Designer: Lorenzo Boni, Mario Prandina e Federico Bellucci


La nuova collezione 2011 di Plinio il Giovane disegnata dai designer Lorenzo Boni, Mario Prandina e Federico Bellucci, si basa come da sempre sulla filosofia dell’azienda, che dal 1975 ci racconta la sempre più attuale campagna sociale nel rispetto dell’uomo e dell’ambiente tutto attraverso i suoi prodotti ricchi di contenuti etici. Hanno realizzato una serie di nuovi prodotti: “Case", “Case Limousine”, “Tube”, "Sgabeau” e la leggera bicicletta in legno “Art-Velo” con il designer Lorenzo Boni, mentre “Coffee Table”, “Picchio” e “Plein Soleil” disegnati da Mario Prandina e una gigantesca lampada “Golia” con il designer Federico Bellucci.

Per ulteriori informazioni:
PLINIO IL GIOVANE
www.plinioilgiovane.it
02 87384640
patrizia.fabretti@bluwom-milano.com

Aliscafi Eolie

Siete curiosi di conoscere gli orari aliscafi eolie? Non preoccupatevi, per il vostro viaggio, sono disponibili durante la stagione turistica, gli aliscafi Snav che vi porteranno in ogni angolo delle Isole Eolie. Questi aliscafi, collegano Napoli, con l’arcipelago più bello d’Italia per un viaggio piacevole e veloce.
Il servizio degli aliscafi è attivo da maggio a settembre, in qualsiasi giorno della settimana. Gli aliscafi Snav, vi porteranno sulle isole più belle, per regalarvi un viaggio e un soggiorno in totale relax. Per un viaggio davvero esclusivo, dovreste prenotare l’aliscafo Orion visto che è dotato di tantissime comodità.
Le offerte Snav, vi permetteranno di viaggiare in totale serenità, senza farvi spendere un sacco di soldi. Ricordatevi della possibilità di effettuare la prenotazione direttamente online. I Traghetti per Stromboli, includono anche gli aliscafi Snav, pronti a offrirvi il meglio della navigazione marittima.
Che ne dite? Qual è l’isola dell’Arcipelago, dove vorreste trascorrere le vacanze?

L'inedita (e gustosa?) CENA CON VERTEBRA di Franca Zucca all'Antigone/10-20 febbraio


L'Associazione Culturale Teatri&Culture
presenta
CENA CON VERTEBRA
di Franca Zucca

REGIA CARLO DILONARDO

TEATRO ANTIGONE

Via Amerigo Vespucci, 42 - Roma (Testaccio)
Dal 10 al 20 febbraio 2011

Da Giov. a Sab. ore 21.00 - Dom. ore 18.30

 

con (in ordine di apparizione)

Giuliana Meli (Matilde), Andrea Cannucciari (Osvaldo), Francesca Del Vicario (Alice), Valter Venturelli (Signor G.), Manuel Diaz, Vincenzo Musmanno (gli addetti), Francesca Del Vicario (la suocera)

 

Nel neonato Teatro Antigone di Testaccio va in scena "Cena con vertebra" di Franca Zucca, per la regia di Carlo Dilonardo. Una commedia grottesca, esilarante, che, tra ironia e assurdo, pone l'attenzione sulle dolcezze e i tormenti del rapporto genitore-figlio. Osvaldo, colto da un momento di infinito amore per il povero padre deceduto da molto tempo, all'atto della compattazione viene spinto da una irrefrenabile voglia di tenerlo ancora accanto, tanto da riuscire a rubare una sua vertebra. Ma poi…che farsene?


NOTE DELL'AUTRICE

Padri assenti (in vita e 'post mortem')...e madri approssimative segnano le  vicissitudini  di  questi  due  ex-coniugi  alle  prese  con  la  non  facile ri-collocazione di una vertebra paterna trafugata dal cimitero a scopo 'esami genetici'. Un 'osso' può ri-prendere "vita" attraverso il desiderio inappagato di 'corporeità' e affetto di chi...c'è, nei confronti di chi ormai 'non è più' – in una sorta  di  rentrée onirica...compensatoria(?) degli  scarti di sofferenza adolescenziale (a tratti  atroce), sia pure condita nel linguaggio, qua e là,  di  incolpevole (si spera) vena comica. La drammaturgia non si rispecchia pedissequamente nel testo messo in scena, per sottrazione, in quest'ultimo, di alcuni elementi drammaturgici presenti nell'opera originaria, e per "ritocchi" sparsi sulla lingua della voce dei  personaggi.

FRANCA ZUCCA

 

NOTE DI REGIA

Quando l'autrice mi ha consegnato il copione ho deciso immediatamente di affrontare la lettura del testo, per una eventuale messa in scena. Il titolo mi aveva fortemente incuriosito. Si focalizza l'attenzione sull'analisi dei rapporti famigliari, messa in risalto da meccanismi surreali o, per meglio dire, su-reali, cioè "sopra" la realtà delle cose, "sopra" la superficie rispetto a quello che di "reale" è nascosto nel profondo di ciascuno. Ho cercato di realizzare questa messa in scena attraverso una linea grottesca che  come è noto sfocia fisiologicamente nell'assurdo, un assurdo che agli occhi dello spettatore diventa paradosso: l'infinito amore per il padre "regala" al protagonista un raptus che lo porta a rubare una vertebra al genitore defunto, al momento della compattazione di quest'ultimo. L'atto in sé può essere considerato una profanazione, una follia ma agli occhi del protagonista e, probabilmente di qualche spettatore presente in sala, appare solamente un gesto di infinito amore per un caro estinto. Fin qui l'aspetto poetico e narrativo. Ma una volta rubata la vertebra, che farsene? Come e a chi restituirla? Lo vedrete...

 

Buona Scena!

Carlo Dilonardo

 

COSTO DEI BIGLIETTI

12 € intero - 10 € ridotto - 8 € gruppi - over 65 - under 10

 Info e prenotazioni: 392.1505171


 

 

MEDIA PARTNER


RENNOR 34

UNA "DIMORA MARINO-METROPOLITANA" DI 10 mt

Il RENNOR 34 non è solo una nuova barca, è una nuova emozione, un modo innovativo di concepire il mare. Quest'imbarcazione ha la vocazione di una "dimora marino-metropolitana" di alto livello, dalle linee pulite ed essenziali, contenuta in 9,98 mt (11,20 mt ft) e acquistabile come natante, quindi senza necessità di immatricolazione.

Via G.B. Peltechian 36/A - 00173 ROMA

Tel. 06/45448252 -  Fax 06/45448277

www.rennormarine.com        info@rennormarine.com

 

 

AREZZO PARK HOTEL – 4 STELLE SUPERIOR

Design- Meeting- Spa

Tema dominante che caratterizza l'AREZZO PARK HOTEL è il design moderno, dirompente, mai scontato, provocatorio ma elegante dell'architetto Simone Micheli.

Il tema classico delle Pievi Fortificate, con l'utilizzo della Santafiora (pietra locale) all'esterno, viene riproposto amplificato e duplicato all'interno da un gioco di specchi.

Autostrada A1 – Uscita Arezzo

Località Battifolle 36/T – 52100 Arezzo

Tel. 0575/96041 - Fax 0575/9604404

www.arezzoparkhotel.com      info@arezzoparkhotel.com






venerdì 28 gennaio 2011

Nuovi relè statici trifase Contactron

I nuovi relè statici per carichi trifase Contactron di Phoenix Contact sono l’alternativa compatta e di lunga durata ai circuiti elettromeccanici tradizionali. Essi offrono fino a quattro funzioni per motori in un unico apparecchio: avviamento diretto, inversione di marcia, relè di protezione motore e arresto d’emergenza.

Dall’avviamento diretto "1 in 1“ all’inversione di marcia "4 in 1“ con protezione termica e arresto d’emergenza è disponibile un’ampia gamma di apparecchiature per motori fino a 4 kW.

I dispositivi, con uno spessore di soli 22,5 mm sono disponibili in tre classi 0,6 A, 2,4 A e 9 A con tensioni di comando di 24 V DC o 120/230 V AC. La nuova classe di potenza 0,6 A è ideale per motori fino a 0,18 kW e dispone di una precisa regolazione per basse correnti.

La tecnologia ibrida, una combinazione di semiconduttori e di robusti relè con microprocessore di controllo consente un’attivazione "protetta“, riduce il carico sui contatti del relè e ne aumenta di conseguenza la durata di almeno 10 volte rispetto alle soluzioni standard puramente meccaniche.

Rittal e IBM insieme per un utilizzo efficiente delle risorse IT

La soluzione di gestione dell'energia di Rittal è stata integrata nell’Active Energy Manager Data Center di IBM. In questo modo, gli IT Manager saranno in grado di gestire al meglio l’energia da fornire al data center, registrando il consumo dei singoli componenti IT e assegnando loro le risorse più adeguate alle specifiche esigenze di funzionamento.

L’efficienza energetica rimane uno dei problemi più importanti nei Data Center e molti operatori ritengono che gli strumenti di controllo a loro disposizione siano ancora inadeguati.. Non si può infatti ottenere una maggiore efficienza se non gestendo in modo interdipendente i consumi elettrici delle apparecchiature IT (router, server, storage) e dei sistemi di climatizzazione con le perdite sull’impianto di distribuzione della corrente (UPS, quadri elettrici).

A tale scopo, la soluzione Rittal misura il consumo di ciascun componente presente nel Data Center: il sistema di monitoraggio Rittal CMC-TC comunica con i PSM (Power System Module) installati nei rack per leggere gli assorbimenti elettrici. L’amperometro incorporato misura l’assorbimento elettrico di ogni singola presa di corrente ed il CMC, attraverso il protocollo SNMP, inoltra questi e altri parametri di rilevo all’ IBM Active Energy Manager.

Le funzionalità di monitoraggio del software IBM consentono quindi agli IT Manager di effettuare un’analisi puntuale, di valutare il trend di consumo energetico complessivo e di ottimizzare il consumo di corrente delle apparecchiature.

...e se le clementine calabresi le provassimo in qualche altra "chicca" di gusto??

Ed ormai le clementine calabresi della Piana di Sibari si fanno sempre più strada!!!


clementineUnanimamente apprezzato come uno dei migliori prodotti tipici calabresi, con il riconoscimento Igp, le sue qualità organolettiche particolari, il sapore unico ed inconfondibile e la quasi totale assenza di semi (..ne potrete rinvenire più o meno una manciata in una intera cassetta!!) ne hanno fatto una delizia inconfondibile e ricercata nel periodo invernale, di una spanna decisamente più in alto rispetto agli analoghi agrumi spagnoli e magrebini: saranno i fattori ambientali e climatici di quello spicchio di Calabria dove viene coltivato, ma forse anche la limitatezza del periodo di produzione che caratterizzano tale referenza, acquistabile ormai anche sul web in quantitativi opportuni alla bisogna familiare, ricorrendo a portali di prodotti calabresi.


Eppure, proprio il limitato periodo di disponibilità dell’agrume (in genere da ottobre a febbraio inoltrato) ha spinto avvedute aziende calabresi ad effettuare delle sperimentazioni di prodotto, si da rendere fruibili “i lavorati” dalle clementine 365 giorni all’anno…praticamente sempre!! Non si può, economicamente parlando, lavorare solo per 3 o 4 mesi all’anno, e poi chiudere bottega!!!


clementinemdTrattandosi di un frutto dalle peculiarità salutistiche uniche, tutta vitamina C e salute, è scontato che il primo lavorato che ne potesse derivare fosse la marmellata di clementine, dicitura oltremodo esatta in quanto a norma di legge, e secondo una direttiva del 1982 dell’Unione Europea, il resto dei prodotti che sono a base di frutta ma non di agrumi può essere chiamato solo “confettura”. In tale magico ed accattivante “orcio” l’82% della frutta contenuta racconta tutta la corposità di un prodotto esclusivo, di gusti e retrogusti infiniti, di una purea lavorata naturalmente (…proprio come si usava una volta!!) senza addensanti e/o pectine varie che ne riducano i tempi di preparazione, facilitandone nel contempo la produzione. E’ sempre vero, infatti, che le cose davvero buone hanno bisogno di tanta pazienza e passione.


specialitaE dalla semplice marmellata di clementine si è poi passati a evoluzioni alternative, quali quella di Clementina & liquirizia, o di Clementine & peperoncino, due interessanti innovazioni nate dall’unione con altre peculiari eccellenze della gastronomia calabrese. Elaborazioni allettanti, che stimolano la curiosità dei cultori del gusto, di chi è insomma alla ricerca di qualcosa di nuovo che delizi il palato, e dove i siti che li propongono in assortimento nelle vetrine virtuali ne suggeriscono chicche d’uso originali ed accattivanti.


clementine-golosinepicSe c’è poi da festeggiare un connubio del gusto, ma di quelli coi fiocchi, beh le clementine si sposano benissimo col cioccolato: ed ecco sul podio delle sciccherie dolciarie le Clementine golosine, spicchi di clementine candite e ricoperte di puro cioccolato fondente, un prodotto tassativamente naturale e senza conservanti, una delizia della serie “…una tira l’altra”!!


clementine-caramellateE se poi c’è da chiudere un pranzo con un tocco di originalità (magari accompagnando con un tonificante amaro), guarnire un gelato o una macedonia in maniera decisamente diversa dal solito…beh, signore e signori eccovi le Clementine caramellate, prodotto anche qui ultranaturale, visto che conosce come ingredienti solo clementine, zucchero ed acqua.


Le clementine calabresi: perchè oltre al frutto fresco e naturale c’è “moooooolto” altro da gustare!!

Jepssen PVR MiniBox HD - Zapper Digitale Terrestre HD e Personal Video Recorder

Lo Switch off dal sistema analogico al digitale terrestre è già stato realizzato in diverse regioni italiane, e da qui al 2012 interesserà l'intero territorio italiano. Vi sarà quindi la necessità di sostituire tutti i vecchi televisori analogici e i videoregistratori anch'essi inadeguati alla registrazione dei nuovi segnali digitali.

Jepssen PVR MiniBox HD

Inoltre, anche i televisori di nuova generazione, con tecnologia al plasma e LCD, sono per la maggior parte dotati di tuner digitale terrestre non ad alta definizione, inadeguati quindi a ricevere i canali HD.

Diventa antieconomico, pertanto, e non alla portata di tutte le tasche, poter acquistare dei nuovi televisori e videoregistratori con il supporto per il DVB-T HD.

Jepssen, sempre pronta ad offrire soluzioni integrate che rispondano pienamente alle esigenze di tutti e che siano soprattutto accessibili a tutti, ha creato il Jepssen PVR MiniBox HD.

Centinaia di canali TV & Radio
Tramite il tuner digitale terrestre DVB-T HD memorizza fino a 1000 canali TV e Radio, consentendo così ai televisori tradizionali di ricevere i nuovi canali digitali, comprese le emittenti HD, e, a quelli nuovi già predisposti, di aggiungere un secondo tuner, per ottenere la funzione di registrazione di un programma e la contemporanea visione diretta di un altro canale.

Con la funzione LCN (Logical Channel Number) il PVR MiniBox HD Jepssen automaticamente effettuerà la ricerca, la sintonizzazione e l'ordinamento dei canali.

Personal Video Recorder HD
Tramite la porta Direct Access USB 2.0 è possibile registrare in alta definizione su un hard disk esterno USB oppure su una Pen Drive USB. Tutte le registrazioni effettuate possono essere trasferite su un computer, editate utilizzando i software più diffusi per eliminare la pubblicità o le sequenze inutili e archiviate o masterizzate su CD/DVD/BluRay. Tutti i programmi registrati possono essere visti in qualsiasi momento, senza restrizioni di tempo o d'impiego.

Con la semplice pressione di un tasto è possibile avviare una registrazione (OTR), con il Timer pianificare i programmi da registrare e realizzare il proprio palinsesto TV (eventi singoli, giornalieri e settimanali) e con il Time Shift, mettere in pausa un evento e riprenderlo successivamente.

Multimedia Player HD
Il PVR MiniBox HD è anche un lettore multimediale capace di riprodurre attraverso la porta USB 2.0 i file multimediali, video in HD compresi (es: MKV), provenienti da hard disk esterni, Pen Drive USB, fotocamere o altri dispositivi collegati.

Facile da installare e da usare
L'installazione del PVR MiniBox HD è istantanea, basta collegarlo ad una qualsiasi porta SCART o HDMI del televisore.
La porta SCART del PVR MiniBox HD Jepssen è regolabile fino a 360° di rotazione, per occupare il minor ingombro possibile, per chi ha poco spazio tra il televisore e la parete o il mobile in cui è inserito.

La gestione di tutte le funzioni è estremamente completa, rapida, semplice e intuitiva, grazie all' OSD (On Screen Display) interamente in italiano e l' EPG (guida elettronica programmi) con funzione PIP (Picture in Picture). Il cambio canale è praticamente istantaneo. Tutte le funzioni sono gestite dal telecomando fornito in dotazione.

Firmware aggiornabile, un prodotto sempre nuovo
Anche l' aggiornamento del firmware è facile e veloce, perchè si effettua tramite la porta USB 2.0.

Compatibile con qualsiasi impianto
Il Jepssen PVR MiniBox HD si adatta a qualsiasi necessità di installazione essendo pienamente compatibile con tutti gli impianti singoli o centralizzati digitali terrestri.

La soluzione più conveniente
Il PVR MiniBox HD Jepssen è davvero un concentrato di convenienza, perchè è facile da installare, perchè è ricco di funzioni, perchè recupera la totalità dei televisori esistenti, perchè è offerto ad un prezzo estremamente contenuto.

Presentato anche il nuovo Jepssen Mediabox ST-4 HD che va ad affiancare il modello Jepssen MediaBox ST-5 HD, tra i ricevitori ibridi digitale terrestre e satellitari in grado di registrare e compatibili con la maggior parte delle codifiche oggi esistenti.

Jepssen Store

Via Roma 6/8
94011 Agira (EN)

Love Therapy alla Beauty Farm Alhambra e al Gran Hotel Terme Astro

Hammam e preziosi trattamenti di bellezza, shopping e cene a lume di candele: ecco come festeggiare San Valentino! Visita il nostro sito e scegli il pacchetto benessere che preferisci. Con i pacchetti “Primi Baci”, “Baci Rubati” e “Baci appassionati” puoi avere anche una notte in omaggio!! ( offerta valida per il pernottamento di sabato 12 febbraio o domenica 13 oppure lunedì 14 febbraio 2011)

Si avvicina la festa degli innamorati e, proprio come Cupido, lo staff del centro benessere e dell'hotel di Tabiano hanno preparato tante frecce sotto forma di pacchetti benessere per accogliere le coppie che vogliono regalarsi una pausa di relax con un pizzico di romanticismo.

Per “lui&lei” ci sono le delizie dell'hammam “Bagni di Istanbul”, un rituale antico che viene dal Medio Oriente e che, attraverso il passaggio in stanze a temperature diverse, aiuta a sciogliere le tensioni e a purificare l'epidermide in profondità. Quello che inizia nel Tepidarium e che si conclude distesi su comodi lettini gustando tisane e dolcetti è un vero e proprio viaggio sensoriale da vivere in due. Nel percorso hammam “Vapori d'Oriente” gli innamorati potranno anche sperimentare il savonnage con il sapone nero, una pasta a base di olive nere e sali minerali, che, come vuole la tradizione marocchina, prepara il corpo all'esfoliazione e poi al gommage, per rendere la pelle morbida e vellutata.
Ad addolcire il soggiorno delle coppie sono previsti anche trattamenti al miele specifici per il viso, massaggi aromaterapici e l'esclusiva “Vasca dei suoni sommersi”, dove il caldo abbraccio dell'acqua e dei suoni della natura sono un elisir contro stress e affaticamento.

Oltre allo spumante e ai dolcetti in camera come benvenuto, la sera di San Valentino verrà servito nel ristorante delle Calle anche lo speciale “menù della passione”, una cena preparata con ingredienti afrodisiaci e accompagnata dalla musica dal vivo.

Scegliete il pacchetto benessere che preferite: “Coccole & Carezze”, “Baci & Carezze” o “Day Spa Love” per dire “ti amo” in modo originale alla vostra metà.

Da non perdere l'eccezionale offerta dei pacchetti “Primi Baci – First Kisses”, “Baci Rubati – Stealed Kisses” e “Baci appassionati – Passionate Kisses” che offrono un pernottamento gratuito a scelta nella notte di sabato 12 febbraio, domenica 13 o lunedì 14 febbraio 2011. In camera ad accogliere gli ospiti ci saranno spumante, dolcetti e oli essenziali Astro per un massaggio a due. Prima della cena romantica a lume di candela c'è la possibilità di sfruttare la one day card, per fare shopping al Fidenza Outlet Village con uno sconto del 10% e, a seconda del pacchetto scelto, sperimentare i benefici dell'hammam “Bagni di Istanbul”.

Per maggiori informazioni sulle offerte benessere, l'hammam di Tabiano e i pacchetti benessere, vi invitiamo a visitare i siti www.grandhoteltermeastro.it e www.beautyfarmalhambra.it

Contatti:
Layoutweb, Layout Advertising Group
Public Relation Department
Simona Bonati
E-mail: bonati@layoutweb.it
www.layoutweb.it

Nuove funzioni per GeStampi 2011 il software dedicato alla gestione stampi, controllo redditività e rilevazione ore

Trizero ha esteso le funzioni per la verifica della redditività aziendale di GeStampi, integrando un software di Business Intelligence in grado di fornire informazioni utili per le scelte strategiche.

Gli obbiettivi di GeStampi sono molteplici e sono sintetizzati nello slogan, «Semplicità Automatica».
Questo significa che l'utente si troverà in un ambiente di lavoro, quasi invisibile, che non modificherà le abitudini del flusso de lavoro che l'azienda ha acquisito.

Trizero ha esteso le funzioni per il Controllo di Gestione e Redditività Aziendale per la Produzione di Stampi, integrando un software di Business Intelligence in grado di fornire informazioni utili per le scelte strategiche.

Rilevazione presenze, rilevazione ore lavorate, ordini a fornitori, pianificazione, controllo, verifica, storicizzazione, confronto, tutto studiato per essere fruito in modo semplice.

Questo risultato lo si è ottenuto con l'impiego dei più innovativi strumenti di comunicazione, che vanno dai Monitor Tattili, all'uso di Badge, codici a barre ed a interfaccie grafiche studiate per offrire il massimo dell'ergonomia funzionale.

Tutti i dati sono condivisi in rete ed alimentati in relazione al profilo utente dai vari reparti aziendali,in modo da responsabilizzare i diretti responsabili.

Il fatto che GeStampi sia completamente progettato e realizzato da Trizero, significa avere la possibilità di personalizzare ed evolvere l'applicazione in relazione alle reali esigenze e alle mutevoli condizioni del mercato.

I dati, storicizzati fino all'ultimo dettaglio saranno poi organizzati per poter essere confrontati con report studiati per offrire una analisi strategica del proprio business.

I nuovi monitors Touch-Screen, con intergrati lettore di codici a barre e stampante termica, aumentano la produttività, riducendo drasticamente le possibilità di errore.

Riconoscimento dell'operatore, apetura commesse attive, inserimento ore lavorate, tutto effettuato in automatico.

(Fonte: GeStampi NEWS)

Trizero srl
Via Provinciale 12
23851 Galbiate (LC)
Tel: 800 86 45 02
www.trizero.it

Ecolamp lancia Lamp&RiLamp 3!


Al via la mostra itinerante 'Lamp&RiLamp'

La terza edizione della mostra polisensoriale itinerante sul corretto smaltimento delle lampadine fluorescenti esauste toccherà undici nuove città.


Partirà il 1 febbraio da Lamezia Terme la mostra polisensoriale Lamp&RiLamp 2011 promossa dal Consorzio Ecolamp, con il patrocinio del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, sulla corretta gestione delle lampade a basso consumo esauste.
Giunta alla sua terza edizione, con oltre 25.000 visitatori tra scolaresche e famiglie, il tour 2011 passerà per undici nuove piazze italiane a Lamezia Terme, Agrigento, Palermo, Cagliari, Sassari, Cuneo, Aosta, Novara, Trento, Udine e Trieste.

L'esposizione interattiva prevede il coinvolgimento diretto dei visitatori: cinque moduli illustrano la storia dell'illuminazione, i numeri, le caratteristiche e il perché della necessaria raccolta differenziata delle lampade fluorescenti esauste, ma anche le fasi successive di trattamento, che permettono di recuperare sino al 95% dei materiali e di mettere in sicurezza le sostanze pericolose, tra cui il mercurio. Alla fine del proprio ciclo di vita, infatti le lampadine fluorescenti non devono essere gettate nel sacco dei rifiuti indifferenziati o nei contenitori per il vetro.

La mostra ha come obiettivo primario, dunque, quello di informare l'opinione pubblica sull'importanza di portare le lampadine esauste integre all'isola ecologica più vicina, dove si trovano gli appositi contenitori verdi Ecolamp oppure di restituirle presso un punto vendita al momento dell'acquisto di quelle nuove, così come stabilito dal DM 'Uno contro Uno' entrato in vigore il 18 giugno 2010.

ap copia.JPG"Con il 2011, dopo il successo delle due edizioni passate, arriveremo ad toccare ben 30 città, da Nord a Sud, isole comprese - afferma Fabrizio D'Amico, Direttore Generale di Ecolamp -. La mostra Lamp&RiLamp è nata per informare e sensibilizzare i cittadini verso le nuove raccolte differenziate, che sono ormai necessarie per far fronte alla mole crescente di rifiuti elettrici ed elettronici (Raee), tra cui le lampade a basso consumo di energia. Istituzioni, aziende, consumatori, tutti abbiamo il dovere di applicare comportamenti virtuosi e avere nuova consapevolezza dei nostri doveri per salvaguardare l'ecosistema così come la salute pubblica".

L'impegno di Ecolamp nella comunicazione segue quello nelle attività operative: in poco più di due anni in Italia il Consorzio ha raccolto oltre 1.270 tonnellate di sorgenti luminose esauste da cui sono stati recuperati più di 1.100 tonnellate di vetro, 51 di plastiche, 64 di metalli e 50 di mercurio e altre sostanze tossiche sono state sottratte alla dispersione nell'ambiente.
HOME LAMP&RILAMP
CALENDARIO
SCUOLE
VIRTUAL TOUR
PHOTOGALLERY
VIDEO
EDIZIONI PASSATE
Informazioni



Comunicazione -

Marketing & Communications Manager
Andrea PIETRAROTA
Ufficio Comunicazione
Martina CAMMARERI

Tel. 02/37052936/7 Fax 02/37052935

Ufficio Stampa -

Conca Delachi - Sara Gentile Tel. 02/48193458  

giovedì 27 gennaio 2011

Nuovi film al cinema

Diane Fleri allieterà gli spettatori nelle sale cinematografiche con uno splendido film in uscita. Diane veste i panni di Camilla ragazza determinata "d'altri tempi" che in "Febbre da fieno" si innamora a prima vista di Matteo (Andrea Bosca) grazie a un fortuito incidente. Camilla decide così di buttarsi a capofitto alla conquista del suo amato passandone di tutti i colori.

La regista è Laura Luchetti al suo primo lungometraggio diventata famosa grazie a un episodio di Fesibum!. "Febbre da fieno" è la terza co-produzione italian con la Disney e si prospetta l'ennesimo successo.

Diane Fleri è un attrice incredibilmente brava in continua crescita. Si è fatta conoscere grazie a "Mio fratello è figlio unico" e si è fatta amare in "Solo un padre" fino a farsi desiderare in Io sono l'amore candidato ai Golden Globe.

BHR Treviso Hotel : Conferenza Stampa “LA CULTURA E’ NOSTRA OSPITE”


BHR TREVISO HOTEL presenterà la propria offerta culturale nel corso della Conferenza Stampa:


“LA CULTURA E’ NOSTRA OSPITE”
BHR Treviso Hotel investe nella qualità del tempo libero:
libri, concerti, spettacoli, eventi.


Lunedì 31 gennaio 2011 alle ore 12,00
presso il BHR Treviso Hotel

c/o Centro Leonardo - Via Postumia Castellana, 2

31055 Quinto di Treviso (TV)


Interverranno:


- Marzio Favero, assessore Provincia di Treviso
- Roberta Basso, amministratore delegato BHR Treviso Hotel
- Giuseppe Mormile, presidente Veneto Jazz
- Fabio Cazzaro, Icona
- Mario Compiano, Compiano Editore



Per informazioni:
patrizia.fabretti@bluwom-milano.com
0422 3730

Europeo per i più giovani: collezione Young

Europeo presenta la nuova Collezione Young dove originalità e praticità si coniugano in una perfetta armonia così da creare ambienti giovani e dinamici, ma dal sapore ricercato. L’intera gamma propone soluzioni smart in grado di arredare con stile le camere da letto dei più giovani. La grande scelta permette un’ampia personalizzazione dello spazio rendendo un piacevole gioco la scelta della combinazione di arredo.

Letto Nuvola in pelle ecologica bianco 102x211x100.
Comodini Bingo (65x49,8x20,3) e Consolle in bianco opaco (135/180x50,1x71,6).
Pensili bianco opaco e bianco lucido.
Minilibreria Block bianco lucido 185x16,2x21.
Armadio battente Anta Liscia in bianco opaco 275,9x60x250.

Sul soppalco letto Virgola laccato bianco opaco 102x212,7x81,5.
Nella zona living, una composizione formata da Consolle e libreria laccate bianco opaco e da pensili con frontali in vetro corda, tortora e daino.
L’armadio scorrevole Sector ha struttura daino opaco e fascia tortora lucido 275x60x250.

Testiera Wall (276x11x51) con letto Sommier imbottito in pelle ecologica bianco 104x214x31,4.
Tavolino Ted laccato bianco lucido (53x53x50).
Libreria in laccato bianco opaco, bianco lucido, grigio lucido e avio lucido.

Per ulteriori informazioni:
EUROPEO
www.europeo.it
02 87384640
patrizia.fabretti@bluwom-milnao.com

mercoledì 26 gennaio 2011

NUOVO SERVIZIO PER LE AZIENDE DA FASHIONFLOWERS.IT: IN AGENDA UN PENSIERO FLOREALE AI DIPENDENTI

FashionFlowers.it a partire da febbraio propone un servizio dedicato alle aziende che vogliono dimostrare, con un segno di ricordo, la stima ai propri dipendenti in occasione del loro compleanno.
Le aziende, che vorranno approfittare di questa interessante iniziativa, non dovranno far altro che fornire l’elenco del giorno e del mese di nascita di ciascun collaboratore e decidere il tipo di omaggio floreale da regalare. A tutto il resto penserà FashionFlowers.it che nei giorni indicati farà recapitare il regalo al festeggiato.
FashionFlowers.it si propone, inoltre, di estendere lo stesso genere di servizio anche a tutte le occasioni e ricorrenze che segnano la vita dei dipendenti come ad esempio matrimoni, onomastici, festa della donna… .
Il nuovo servizio offerto da FashionFlowers.it ha come obiettivo primario di seguire e supportare le Aziende all’attenzione di ogni importante momento dei suoi collaboratori,regalando qualcosa di particolare e appropriato in ogni contesto.
Inoltre, le aziende potranno definire il loro preventivo di spesa ad inizio anno detraendo fiscalmente, grazie alla fatturazione di tutte le forniture, l’importo alla voce “spese di rappresentanza”.
Fashion Flowers
www.fashionflowers.it nasce da un’idea di Andrea Trevisan che da oltre vent’anni gestisce, insieme alla propria famiglia, un’attività di commercio all’ingrosso di fiori recisi e piante, presente sul territorio milanese dal 1950. Le idee cardine del progetto Fashion Flowers sono freschezza e qualità del prodotto, prezzo competitivo e introduzione dell’e-commerce come mezzo di distribuzione privilegiato. Attraverso il sito web infatti, privati e aziende possono ordinare le composizioni floreali proposte da Fashion Flowers o create ad hoc a seconda delle esigenze della clientela.


Per ulteriori informazioni:
FashionFlowers.it
www.fashionflowers.it
335 275334
patrizia.fabretti@bluwom-milano.com

martedì 25 gennaio 2011

UNOCAD: Service di Reverse Engineering e Scansione Ottica Tridimensionale con Scanner 3D Breuckmann

Soluzioni di Reverse Engineering nel settore della scansione e modellazione 3D, applicata all’industria e al design per la progettazione e la produzione meccanica. Riproduzione, catalogazione e restauro anche nel settore dell’arte.

UNOCAD offre un service di reverse engineering con strumenti facilmente trasportabili che permettono rilievi di qualità direttamente presso la sede del cliente rivolto a quelle aziende che riscontrano occasionalmente queste problematiche.

La scansione ottica tridimensionale rappresenta oggi la via più rapida e precisa per convertire qualsiasi oggetto fisico nel coerente modello matematico.

Garantiamo ispezioni rapide ed accurate su qualsiasi superficie, utilizzando scanner 3D Breuckmann verificati secondo normativa VDI coniugata all’alta precisione di calibrazione su base fotogrammetria AICON.

Contattateci per qualsiasi ulteriore delucidazione o richiedete un preventivo gratuito fornendo via mail un’immagine del particolare da digitalizzare corredato delle dimensioni di massima reali.

Per informazioni contattate il seguente numero telefonico: 0444.340742.
Un nostro responsabile Vi darà tutte le informazioni necessarie.

(Fonte: Unocad News)

Unocad srl
Via Vicenza 232
36077 Altavilla Vic. (VI)
Tel. 0444.340742
www.unocad.it
Giovanni Nardotto
gnardotto@unocad.it

La Legge del Denaro. Comprendere, Moltiplicare e Gestire i Tuoi Soldi


Sei sicuro di sapere veramente tutto sul denaro?

Come si produce, come si moltiplica, come si gestisce...
Se seguirai i consigli di questo ebook, affidandoti all'esperienza di un vero esperto, scoprirai tutti i segreti che questa parola nasconde...
Sarai più consapevole del suo valore e delle tue potenzialità professionali fino a diventare anche tu un "domatore di denaro"!


La Legge del Denaro
Comprendere, Moltiplicare e Gestire i Tuoi Soldi

Anno di Uscita: 2010
Prezzo: € 9,98 iva inclusa

Leggi il Programma completo

lunedì 24 gennaio 2011

Continua con successo la presenza di Snaidero al Museum of Modern Art di New York

Grande afflusso di pubblico per la mostra in cui è esposta la cucina Spazio Vivo di Snaidero.

Continua a riscuotere grande successo di pubblico la mostra “Counter Space: Design and the Modern Kitchen”, all’interno della quale spicca, quale unica rappresentate delle cucine italiane, la cucina Spazio Vivo di Snaidero. Disegnata nel 1968 dall’Architetto Virgilio Forchiassin, già in quegli anni era stata selezionata per le sue innovative soluzioni stilistiche quale rappresentate del Made in Italy dal Musem of Modern Art (Moma) di New York. A più di 40 anni di distanza gli elementi innovativi di questa cucina sono ancora attuali, a tal punto da venire inseriti all’interno della mostra “Counter Space: Design and the Modern Kitchen”.

Lo conferma la recensione del Time Magazine che la definisce “una cucina dalle profonde implicazioni, in grado di rivoluzionare il modo di vivere lo spazio e le relazioni familiari, grazie alle sue soluzioni innovative”.

La cucina Spazio Vivo, selezionata quale unica rappresentante tra le cucine insieme ad una Frankfurt kitchen degli anni 50, è posta su una pedana rossa rotante che la fa emergere al centro di una delle tre grandi sale dedicate alla mostra ricche di immagini, oggettistica, piccoli elettrodomestici ed utensileria legata all’ambiente cucina. Questa cucina sicuramente per quegli anni rappresentava la grande novità e si può dire che l’innovazione tecnologica e di design potrebbe essere ancora attuale ai giorni nostri: una cucina a blocco multifunzione da porsi al centro della stanza e con la possibilità di aprirsi totalmente con l’utilizzo di cerniere a 360° per ritornare ad essere una cucina lineare. La presenza di Snaidero a questa esposizione testimonia ancora una volta, a livello internazionale, la grande tradizione del marchio, fatta di oltre 65 anni di esperienza, nella quale innovazione e design rappresentano i fattori distintivi di prodotti unici e immediatamente riconoscibili.

Aperta fino alla fine di marzo, l’esposizione esplora la trasformazione novecentesca della cucina, considerata come un barometro dei mutamenti sociali e tecnologici del ventesimo secolo, momento nel quale la cucina è diventata spazio di grande significato simbolico e pratico. Si parte dagli inizi del secolo, quando la cucina aveva una connotazione razionale come una “fabbrica” o un “laboratorio”, passando per gli anni Cinquanta, quando il baricentro dei consumatori si sposta verso la “piacevolezza” della cucina, come dimostrano i coloratissimi Tupperware degli anni ’50 o il collage del 1963 “Still life” di Tom Wesselmann. Ma la realtà della cucina non è solo quella immaginata dai designer, l’elemento umano che la vive la carica alternativamente di nevrosi, frustazioni o di piacevolezze e socialità. Racconterà anche questo la mostra di New York attraverso fotografie, stampe, lavori multimediali e installazioni scultoree che evidenziano come la cucina abbia permeato anche la pratica artistica in virtù di quel valore simbolico che dalla fine degli anni ’60 ha acceso di dibattiti intorno all’economia e alla politica.

Per ulteriori informazioni:
SNAIDERO
www.snaidero.it
0432 952423
patrizia.fabretti@bluwom-milano.com

domenica 23 gennaio 2011

Sicurezza: rinnovati vertici AIIC. Sandro Bologna nuovo presidente




SICUREZZA: RINNOVATI I VERTICI AIIC,

SANDRO BOLOGNA ELETTO PRESIDENTE


Roma, gennaio '11 - Cambio al vertice dell'AIIC-Associazione Italiana esperti in Infrastrutture Critiche, a carattere tecnico-scientifico, che raccoglie i professionisti, docenti e ricercatori che si occupano della strategica protezione delle infrastrutture critiche del Paese. È stato eletto il nuovo consiglio direttivo per il prossimo triennio con la nomina a presidente del ricercatore Sandro Bologna (subentra a Salvatore Tucci), a vicepresidenti Bruno Carbone (Enav) e Silvio Fantin (GSE), segretario Roberto Setola (Università Campus Biomedico) e tesoriere Guido Pagani (Banca d'Italia). Nel nuovo direttivo siedono anche Emiliano Casalicchio (Università Roma Tor Vergata), Gregorio D'Agostino (Enea), Dario de Marchi (Acquirente Unico), Luisa Franchina (Presidenza del Consiglio dei Ministri Dip. Protezione Civile), Stefano Panzieri (Università Roma Tre), Andrea Rigoni (Poste Italiane GC-SEC Global Cyber Security Center) ed Enzo Maria Tieghi (ServiTecno).

«Il rinnovo del vertice dell'AIIC», ha detto Bologna, «avviene in un momento di crescente interesse pubblico e privato, in Italia e in Europa, per la protezione di queste infrastrutture anche per i rischi connessi alle diffuse tensioni geopolitiche internazionali e agli sviluppi della cyberwar. Per questo intendiamo contribuire in modo significativo al sostegno degli organi istituzionali nell'affrontare i problemi tecnici, scientifici e gestionali su questo fronte». Il neo presidente Bologna ha ricordato che «per infrastrutture critiche (IC) si intendono tutte le strutture essenziali per il mantenimento delle funzioni vitali della società, della governance, della salute, della sicurezza e del benessere economico e sociale di un Paese, il cui danneggiamento o distruzione avrebbero un impatto significativo, anche a causa della stretta interdipendenza creatasi ("effetto domino"). Esempi tipici di IC sono le reti di trasmissione e distribuzione dell'energia, le reti dei trasporti e le reti di telecomunicazione».

Tale protezione ha assunto notevole rilievo in Europa con l'emanazione della Direttiva Europea (2008/114/CE) che individua e designa le infrastrutture critiche europee e la valutazione della necessità di migliorarne la protezione. Proprio in questi giorni essa è stata ripresa dal Governo italiano con l'emanazione del Decreto Legislativo che recepisce e attua la Direttiva UE.

Il crescente interesse delle istituzioni è parallelo all'aumentata consapevolezza del problema da parte di tutti i gestori di Infrastrutture Critiche, continuamente chiamati a difenderle sia dagli attacchi fisici che, e sempre di più, dagli attacchi informatici, con conseguenze che possono andare ben oltre la sola infrastruttura attaccata a causa della loro stretta interdipendenza.

Esempi evidenti di interdipendenza sono l'infrastruttura ferroviaria e l'infrastruttura elettrica, esempi più subdoli sono l'infrastruttura sanitaria e l'infrastruttura dei trasporti su strada, come messo in evidenza dallo sciopero degli autotrasportatori italiani del 2009.


LA MISSIONE DELL'A I I C

Il termine Protezione Infrastrutture Critiche (PIC in italiano e CIP-Critical Infrastructure Protection in inglese) è stato usato per la prima volta alla fine degli anni '90 in una Direttiva governativa dell'allora presidente degli USA.

Lo sviluppo, la sicurezza e la qualità della vita nei paesi industrializzati dipendono dal funzionamento continuo e coordinato di un insieme di infrastrutture che, per la loro importanza e strategicità, sono definite Infrastrutture Critiche. Esse includono il sistema elettrico, le reti di comunicazione, le reti di trasporto aereo, navale, ferroviario e stradale, il sistema sanitario, i circuiti finanziari, le reti a supporto del Governo, centrale e territoriale, quelle per la gestione delle emergenze, ecc..

Per ragioni di natura economica, sociale, politica e tecnologica tali strutture sono diventate sempre più complesse e interdipendenti.

Se ciò ha consentito di migliorare la loro efficienza, la qualità dei servizi erogati e di contenerne i costi, ha tuttavia indotto vulnerabilità nuove e impreviste, compreso l'"effetto domino", che rischiano di provocare reali pericoli per lo sviluppo e il benessere sociale del Paese, anche a causa delle accresciute minacce legate sia all'estremizzazione dei fenomeni climatici, sia alla tormentata situazione socio-politica mondiale.

L'Associazione, senza fine di lucro, nasce nel 2006 su iniziativa di un gruppo di professionisti delle grandi infrastrutture nazionali, attivi non solo in aziende strategiche ma anche nella ricerca e nell'accademia, per costruire e sostenere una cultura interdisciplinare per lo sviluppo di strategie, metodologie e tecnologie in grado di gestire correttamente tali infrastrutture, specialmente in situazioni di crisi o in concomitanza con eventi eccezionali o atti terroristici.

L'AIIC si propone di condividere esperienze e conoscenze nell'ambito di queste infrastrutture e di favorire un approccio interdisciplinare e intersettoriale. Per questo riunisce accademici, studiosi della materia ed esperti nelle diverse infrastrutture critiche che hanno una visione complessiva e sono in grado di supportare concretamente istituzioni e aziende nella gestione di questo complesso dominio.

In questi anni l'AIIC ha svolto un'attività di primo piano nella diffusione di una cultura e di una consapevolezza del problema della protezione delle infrastrutture critiche e nel sostegno alle istituzioni.

www.infrastrutturecritiche.it






sabato 22 gennaio 2011

Stop alle lampade a incandescenza. Raccolta differenziata per le fluorescenti


Stop alle vecchie lampadine
Ma smaltire le fluorescenti è un rebus

Ripubblico l'articolo riportante l'intervista fattami evidenziando in rosso alcune correzioni, refusi e opportune precisazioni /integrazioni rispetto a quanto dichiarato e poi riportato. Ma ringrazio la collega Marta Serafini e la redazione del Corriere della Sera che si sono interessati alla tematica della corretta gestione delle lampade fluorescenti esauste, contribuendo così all'opportuna informazione e sensibilizzazione sull'argomento. Andrea Pietrarota



Le fluorescenti compatte permettono di risparmiare fino all'80% di energia

Entro il 2016 sostituiranno del tutto quelle tradizionali (a incandescenza e ad alogeni)

Le fluorescenti compatte permettono di risparmiare fino all'80% di energia

Le chiamano lampadine ecologiche. Sono le fluorescenti compatte che, insieme ai tubi al neon, permettono un notevole risparmio di energia - ben l'80%- e che entro il 2016 sostituiranno del tutto quelle tradizionali a incandescenza e le alogene. Per il momento basti dire che se tutte le famiglie italiane le usassero, si risparmierebbero 5,6 miliardi di kilowattora, con tre milioni di tonnellate di anidride carbonica in meno. Va fatta però attenzione al rovescio della medaglia: le fluorescenti rischiano infatti di essere tutt'altro che verdi se non sono smaltite correttamente.

SMALTIMENTO - «Usarle è un gesto di rispetto per la terra», spiega Andrea Pietrarota, responsabile comunicazione e marketing di Ecolamp. «Ma non vanno assolutamente gettate nei contenitori o campane del vetro, o nel cassonetto per i rifiuti indifferenziati come si fa con le lampadine tradizionali». Il motivo? Queste lampadine contengono da uno a cinque milligrammi di mercurio, materiale tossico se ingerito o inalato. È importante dunque che, una volta esaurite, non si rompano e se ne faccia un'adeguata raccolta differenziata. Un gesto dovuto, se si pensa che nel solo 2010 a Milano ne sono state raccolti ben 21.416 chilogrammi. Per smaltirle vale lo stesso procedimento dei rifiuti Raee (elettrici ed elettronici): basta recarsi presso i centri di raccolta Amsa (queste le isole ecologiche di Milano) o nei punti vendita di materiale elettrico ed elettronico, che praticano il ritiro uno contro uno (se compro una lampadina nuova posso restituire quella esaurita, prevede il DM 65 del 2010, entrato in vigore dallo scorso 18 giugno '10 e in progressiva attuazione da parte della grande come della piccola Distribuzione). «Stiamo promuovendo molto quest'ultima opzione attraverso mostre e campagne mediatiche», continua Pietrarota, «offrendo ai consumatori una possibilità in più e agevolando in tutti i modi i rivenditori con contenitori ad hoc e materiali informativi che spiegano perchè è necessario fare la raccolta differenziata delle lampade fluorescenti compatte».

OBBLIGHI - Difficile però convincere i negozianti che, secondo un'inchiesta di Greenpeace, sono pigri in materia e nel 51% dei casi non adempiono agli obblighi previsti dalla legge. «La raccolta presso i punti vendita presenta ancora delle difficoltà. È necessario che un addetto ritiri personalmente le lampadine dalle mani del cliente verificando che il vetro non si rompa. Non è così facile come raccogliere le pile esauste. I contenitori per le lampade devono stare in magazzino, al sicuro, per evitare comportamenti sbadati o scorretti che possano rompere le lampade.». Diverso è poi il discorso per gli elettricisti. Inoltre ad oggi. agli addetti ai lavori, poichè operatori professionali e non semplici consumatori, non è concesso il conferimento delle lampadine nei centri di raccolta comunali, nonostante siano proprio coloro che producono i maggiori quantitativi di tali materiali. Ed ecco perché il consorzio Ecolamp ha istituito per loro un servizio (Extralamp) di ritiro gratuito ogni 100 chili, dei punti di raccolta per ogni quantitativo (i Collection Point) e ha stipulato un'importante convenzione con i grossisti di materiale elettrico (l'intesa con la FME che ha dato vita agli Ecopoint). Insomma, tra difficoltà burocratiche, una scarsa cultura ambientalista, la raccolta differenziata delle fluorescenti non è ancora una pratica così semplice e di normale pratica. Milano si conferma però virtuosa in materia. «In genere, la differenziata per le lampadine funziona bene anche nei piccoli Comuni, ma in tutta la provincia abbiamo ottenuto buoni risultati, con un incremento del 39% rispetto al 2009», conclude Pietrarota.

Marta Serafini
20 gennaio 2011

Fonte: http://www.corriere.it/scienze_e_tecnologie/energia_e_ambiente

Per maggiori informazioni suggerisco una visita al sito www.ecolamp.it





--
Postato da Andrea Pietrarota su CorrieredelWeb.it L'informazione fuori e dentro la Rete.


venerdì 21 gennaio 2011

Gorenje presenta alla fiera LivingKitchen 2011 Gorenje+

Gorenje ha presentato in anteprima al LivingKitchen di Colonia Gorenje+: i nuovi elettrodomestici da incasso destinati a una clientela esigente e basati sul concetto di user experience e alto design. Oltre a frigoriferi e lavastoviglie, Gorenje+ include i forni dotati dell’esclusiva programmazione iChef che permette di selezionare le sue funzioni semplicemente facendo scorrere il dito sullo schermo.

LivingKitchen, la nuova rassegna fieristica del settore cucina che ha avuto luogo dal 18 al 23 gennaio a Colonia in contemporanea con la Fiera Internazione del mobile di Colonia, è per le aziende un’importante opportunità per poter far toccare con mano ai visitatori le principali novità ed innovazioni tecnologiche. Per l’occasione, Gorenje ha presentato, in esclusiva per il mercato tedesco, il nuovo brand Gorenje+: gli elettrodomestici da incasso, frigoriferi, lavastoviglie e forni, dall’alto valore tecnologico e dalle linee ricercate. Da sottolineare, l’esclusiva programmazione elettronica iChef che permette, con un semplice tocco sull’ampio display TFT a colori di cui è dotato il forno, di selezionare e controllare tutte le funzioni dell’elettrodomestico.

Gorenje+ si candida a diventare la risposta alla crescente richiesta di prodotti dall’alto valore tecnologico e innovativo, ma senza mai rinunciare alla semplicità di utilizzo. Il potente sistema di controllo brevettato ed adoperato per iChef consente infatti di ottenere eccellenti risultati in cucina con la massima facilità.

Gorenje, azienda da sempre proiettata al futuro, vuole ribadire con la partecipazione a LivingKitchen la propria idea di fondo: studiare e progettare elettrodomestici per la casa di design e in grado di dettare nuove tendenze, ma al tempo stesso dotati delle più innovative soluzioni tecnologiche.

Per maggiori informazioni:
GORENJE
www.gorenje.it
040 3752111
patrizia.fabretti@bluwom-milano.com

giovedì 20 gennaio 2011

Home Fragrance: è online il nuovo sito www.atmo-sfere.it




Extension line: al brand ATMOSFERA si aggiunge il nuovo brand ATMOSQUARE
Per il 2011 è prevista per i due brand una nuova strategia di comunicazione e di commercializzazione .



Da gennaio 2011 è online www.atmo-sfere.it, nuova vetrina dedicata all’home fragrance di nicchia per i brand ATMOSFERA e il nuovissimo ATMOSQUARE.
www.atmo-sfere.it, realizzato da Hellonet Group, sarà uno spazio virtuale, in italiano e inglese, per permettere al consumatore finale e ai rivenditori di entrare in contatto con l’azienda ed essere aggiornati in tempo reale su nuovi prodotti, colori, fragranze.
Molte saranno le novità previste per il 2011: in primo piano il lancio del nuovo brand ATMOSQUARE, in commercio a partire dalla fine di gennaio, una selezione di diffusori d’essenze completamente Made in Italy, dedicati a chi ricerca una sintonia profonda con lo spazio in cui vive per creare atmosfere intense e suggestive.ATMOSQUARE avrà un’immagine pulita e naturale, a partire dal packaging minimalista con etichette in legno, un scelta in linea con la volontà di prediligere materie prime sceltissime e trasformate in delicate essenze dall’atelier M&M Fragrances, che crea tutte le profumazioni di questi prodotti in esclusiva. Due saranno le nuove linee: la prima composta da 6 colori/profumazioni diverse dedicata all’home fragrance, la seconda, dal taglio più ricercato anche nel packaging extra lux, proporrà due fragranze per uomo e donna, novità assoluta di scelta per questa tipologia di settore, declinate anche nella versione Eau de Parfum: “Male” (Cool Colony) e “Female” (Patchouli). A completare l’offerta , candele profumate e sacchetti per armadi/cassetti (fragranza Muschio Bianco) realizzati in lino grezzo, per dotare ogni ambiente della casa di una riconoscibile identità olfattiva.
Nel 2011 molte novità anche per la prima nata ATMOSFERA, collezione di diffusori di essenze racchiuse in sfere di legno massello: 6 nuovi colori vanno ad ampliare la vasta gamma già in commercio, con ben 18 esclusive fragranze. Le sfere saranno dotate di un nuovo sistema di chiusura del fondo, in cui si inserisce il flacone della fragranza preferita, mentre la parte superiore da cui fuoriescono i midollini del diffusore sarà impreziosita da un anello in alluminio con il logo ATMOSFERA. Il tutto visibile nel nuovo sito www.atmo-sfere.it.
Benessere olfattivo e multisensorialità sono le parole chiave per capire la filosofia che sta dietro all’intero progetto: l’olfatto come principale ingrediente della felicità, perché in grado di suscitare sentimenti, emozioni e ricordi indelebili.
Tutti prodotti ATMOSFERA e ATMOSQUARE sono distribuiti attraverso una rete di agenti che lavorano su differenti canali nazionali ed esteri: principalmente negozi d’abbigliamento, di accessori d’arredo, Hotellerie&SPA e infine, in forza di un recente accordo con Luxury-Lab, società specializzata nella distribuzione di prodotti di lusso, anche nelle profumerie di nicchia. L’attenzione ai dettagli, all’estetica e alla qualità sono i segni distintivi delle due collezioni, che propongono prodotti ideati e realizzati interamente in Italia.


Per Informazioni:
www.atmo-sfere.it
Tel 02 49792874
patrizia.fabretti@bluwom-milano.com



Carplanning.com la soluzione per il noleggio a lungo termine

Carplanning è un’impresa dedicata al noleggio a lungo termine e leasing auto in particolare per le flotte aziendali.
Tramite il sito carplanning.com è possibile reperire informazioni dettagliate sui servizi offerti, ogni informazione stiate cercando sul settore, sul sito è reperibile in modo celere.
Partendo dalla homepage ci si ritrova un menu con cui possiamo accedere a diverse informazioni.
Per quel che concerne il noleggio lungo termine ci sono tutte le informazioni riguardanti vantaggi del servizio, le fiscalità, il tipo di contratto, i documenti necessari, approfondimenti ed una guida on line per avere un quadro completo sull’argomento.
Poi si procede con il leasing auto, anche qui viene spiegato nel dettaglio cos’è il leasing, come funziona e perché conviene.
Ma ancora se avete bisogno di acquistare una flotta aziendale ma non siete ancora al corrente di quali vetture vi servano, quanto costano, le offerte dei costruttori di auto etc. carplanning.com via aiuta nell’orientamento con una Guida alle Flotte aziendali.
E se tutto questo non fosse abbastanza, registrandosi al sito è possibile avere informazioni ancora più dettagliate che possano togliere ogni tipo di dubbio in pochi click.
Per finire se possedete di camion, camper o veicoli commerciali, sicuramente sarete a conoscenza che da qualche mese in Italia sono disponibili le mappe per camion per Tom Tom che eviteranno di farvi transitare per strade limitate al vostro veicolo, su carplanning.com è possibile acquistare le mappe direttamente nell’area shopping.
Carplanning.com è un sito completo che fornisce una guida dettagliata sul noleggio lungo e sul leasing ed ancora permette di richiedere ed ottenere un preventivo idoneo alle vostre esigenze, in brevissimo tempo.

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *